Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Settembre 2010 | 15:30
Il presidente dell’Abi da Bruxelles dove sono in corso gli incontri sulla revisione del patto: “il debito privato dell’Italia è basso, punire il nostro Paese sarebbe singolare”.

L’Italia punta ancora una volta i piedi contro la revisione del patto di stabilità in corso in questi giorni a Bruxelles. E lo fa per bocca di Giuseppe Mussari, il presidente dell’Abi, che rispondendo ai giornalisti si è detto poco soddisfatto dei risultati raggiunti fino ad oggi: «Ad un primo giudizio molto sommario – ha dichiarato – perchè bisognerà leggere e approfondire, possiamo dire che non si può essere del tutto soddisfatti».

«Apprezziamo i passi avanti che sono stati fatti e credo che questi passi avanti abbiano visto protagoniste le nostre rappresentanze a Bruxelles – ha aggiunto – non tutti i Paesi hanno la stessa struttura di debito, noi abbiamo un alto debito pubblico e un basso debito privato e questo nel punto più critico della crisi ci ha aiutato a venirne fuori meglio di altri», aggiungendo che il basso indebitamento delle famiglie «probabilmente è un dato che va apprezzato più di quanto sia stato fatto».

Punire l’Italia per il suo elevato debito pubblico, come potrebbe succedere con le nuove regole del Patto di stabilità, sarebbe «singolare», mentre imporre una tassa sulle banche sarebbe «eccentrico». «È vero – ha osservato ancora il presidente dell’Abi – che la stabilità è un presupposto della crescita, ma bisognerà cominciare a ragionare su come cresce l’Europa e il nostro Paese altrimenti diventa complesso ragionare sempre di riduzione».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

NEWSLETTER
Iscriviti
X