Rumors: BpVi e Veneto Banca sarebbero solvibili per la Bce

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi4 aprile 2017 | 10:08

OK DALLA BCE A RICAPITALIZZAZIONE BPVI E VENETO BANCA – Il sospirato via libera della Bce in merito alla procedura di ricapitalizzazione preventiva cui hanno chiesto di aderire BpVi e Veneto Banca sarebbe finalmente arrivato, dopo l’accettazione dell’offerta di transazione da parte di oltre il 70% dei piccoli azionisti e l’approvazione del bilancio 2016 delle due banche. Secondo l’istituto centrale europeo, infatti, i due istituti sarebbero solvibili, pur avendo chiuso il 2016 rispettivamente con una perdita di 1,9 e di 1,5 miliardi di euro, in buona misura a causa di ulteriori decise rettifiche su crediti e accantonamenti.

FABBISOGNO DI CAPITALE COMUNICATO AD AUTORITA’ ITALIANE – Il condizionale resta d’obbligo in attesa di una conferma ufficiale alle indiscrezioni che hanno preso a circolare già ieri sera, secondo le quali la vigilanza della Bce avrebbe anche determinato il fabbisogno di capitale degli istituti, calcolato sulla base dei risultati raggiunti nello scenario avverso dello stress test dello scorso luglio. Il dato sarebbe già stato comunicato alla Banca d’Italia e al Tesoro, che provvederà a girarlo alle banche stesse.

TOCCA ALLA COMMISSIONE UE L’ULTIMA PAROLA – Nel loro piano industriale, che puntava ad una fusione entro l’anno, i due istituti al momento controllati quasi totalmente dal fondo Atlante avevano determinato un fabbisogno di capitale di circa 4,7 miliardi di euro, ma l’agenzia Bloomberg alza l’asticella e parla di un fabbisogno di 6,4 miliardi. La palla passa ora alla Commissione Ue cui spetterà (come già nel caso di Mps) l’ultima parola e che dovrà esprimersi sulle eventuali condizioni che le due banche dovranno rispettare in termini anche di taglio dei costi e ristrutturazione del perimetro di attività. A questo punto una soluzione sia per Mps  (che nel frattempo resta sospeso in borsa) sia per BpVi e Veneto Banca dovrebbe giungere nelle prossime settimane.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Perrott (Ubs Am): “Perché crediamo ancora nelle obbligazioni asiatiche”

Intervista al responsabile del fixed income per i mercati orientali di Ubs Asset Management ...

Assiom Forex e Sda Bocconi “allevano” i trader del futuro

10 stage retribuiti e 2 borse di studio in palio per la seconda edizione del “Treasury&Capital ...

“Manita” di violazioni segnalate da Consob

Cinque siti finiscono sotto la lente dell'Autorità di vigilanza ...