Mercato immobiliare, la qualità premia

A
A
A
di Marcella Persola 4 Ottobre 2010 | 10:30
Se nel corso del 2009 si sono registrati decrementi in termini reali dei prezzi medi delle abitazioni pari a circa il 5% nel corso del 2010 si è iniziata a intravedere una prima ripresa.

Se nel corso del 2009 si sono registrati decrementi in termini reali dei prezzi medi delle abitazioni pari a circa il 5% nel corso del 2010 si è iniziata a intravedere una prima ripresa. Questa è una delle view espressa dalla società di consulenza REAG presieduta da Leo Civelli (nella foto). 

Il mercato appare oggi più vivace per quanto riguarda gli immobili di qualità a livello strutturale. Nei prossimi mesi, per la società di consulenza, il numero di compravendite dovrebbe ricominciare a crescere, e anche le zone semi-centrali dovrebbero registrare ulteriori progressi.

Ma è soltanto nel 2011 come già accaduto nel passato che il mercato residenziale guiderà la ripresa dell’intero comparto. Oggi il basso livello

di trattative produce un eccesso di offerta soprattutto in corrispondenza delle localizzazioni semicentrali e periferiche delle città.

I tempi medi di vendita si sono alzati e si attestano mediamente intorno ai 6,2 mesi, sia che si tratti di abitazioni nuove che usate, ma superano i 7 mesi in molte città come Bologna e Bari. Gli sconti mediamente praticati sul prezzo richiesto sono pari a circa il 13% per l’usato, con punte più alte nelle città del Sud e nelle aree periferiche delle città. Gli sconti sul nuovo si attestano a circa il 9,5%.
 

Il mercato della locazione appare stabile e ha assorbito, almeno temporaneamente, la domanda delle famiglie che devono rimandare l’acquisto. L’offerta resta superiore alla domanda. Le tempistiche non sono cresciute e risultano pari a circa 3 mesi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X