È già casta padana

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 11 Ottobre 2010 | 08:30
Da Lodi a Verona. Da un piccolo banchiere chiamato Gianpiero Fiorani finito travolto dai suoi malaffari, a Paolo Biasi, gran signore della Verona che conta nella politica e nella finanza. Da partito di lotta a partito di governo, ma anche e sopratutto di potere.

Da venerdì 17 settembre il percorso della grande trasformazione della [a]Lega Nord[/a], divenuta ormai irrimediabilmente parte integrante dei Salotti Buoni, è giunto ad un punto di non ritorno. Oltre l’appuntamento che si è tenuto nella città dell’Arena, infatti, i “lumbard” non potranno più tornare indietro per rappresentare ancora il movimento che lotta per la cosidetta “base” dei suoi aderenti e votanti, piccoli imprenditori, artigiani, operai o commercianti. In altre parole: tutto il mondo dei piccoli risparmiatori – il più delle volte tartassato dalle banche – viene lasciato alle spalle e la Lega Nord entra da una della porte principali nei grandi giochi della finanza italiana.

Nel capoluogo scaligero, infatti, è andato in scena la prima parte del rinnovo del consiglio generale della [a]Fondazione CariVerona[/a] che si completerà il 22 ottobre. Un organismo importantissimo non solo e non tanto per le politiche di aiuti alle iniziative della città, ma perché l’ente è azionista – e fra i più importanti e “pesanti” – di [s]UniCredit[/s] con un pacchetto del 4,98%. Il presidente della Fondazione, Biasi, è in scadenza di mandato dopo 17 anni filati alla guida dell’ente ed è stato appena raggiunto da due avvisi di garanzie per brutte storie che riguardano aziende del suo gruppo industriale, finito in liquidazione poche settimane fa perché schiacciato dalla crisi e dai debiti. Già vicino alla ex Dc e molto legato a certi ambienti cattolici, Biasi è a tutti gli effetti uno degli esponenti-simbolo di quella nomenklatura dei poteri Prima Repubblica che la Lega voleva abbattere.

E quindi si poteva legittimamente pensare che i lumbard cercassero di sostituirlo con qualche loro uomo, tenuto conto che proprio il leader del Carroccio [p]Umberto Bossi[/p], ad elezioni appena concluse, aveva preannunciato la conquista delle banche del Nord. Anche perché nell’UniCredit si stanno rafforzando, a scapito delle Fondazioni, gli azionisti libici contro i quali la Lega sogna una nuova crociata, che finora ha fatto una sola vittima, l’“infedele” [p]Alessandro Profumo[/p] costretto alle dimissioni non tanto dai petardi leghista, ma bruciato dal fuoco degli azionisti privati italiani e tedeschi, con la “manona” dietro le quinte dell’inossidabile accoppiata [p]Silvio Berlusconi[/p] & [p]Cesare Geronzi[/p].

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Leonardo: al mercato la nomina di Profumo non è piaciuta

Mps, archiviazione per Viola e Profumo

Mps, Profumo e Viola indagati

NEWSLETTER
Iscriviti
X