Derivati, Draghi detta le regole

A
A
A
Avatar di Redazione 27 Ottobre 2010 | 06:30
Il Financial Stability Board ha emesso una serie di raccomandazione alle autorità nazionali che prevedono delle limitazioni negli scambi di questi strumenti perché…

 Intervenire sui derivati over the counter è una delle priorità che il Financial Stability Board si è posto. L’Fsb che ha ottenuto mandato dal G-20 di coordinare il lavoro internazionale da presentare a Seoul per le nuove regole della finanza, ha emesso 21 raccomandazioni alle autorità nazionali invitandole a mettere in atto i principi fissati a livello internazionale.

In particolare nel documento studiato dall’istituzione guidata da Mario Draghi si prevedono dei limiti di contrattazione di questi tipi di derivati, over the counter, se non saranno sottoposti a un clearing centralizzato entro il 2012. L’obiettivo è quello di evitare gli arbitraggi regolamentari e limitare i rischi che potrebbero derivare da queste operazioni, tacciate di aver accentuato la crisi globale.

Per questo motivo Draghi preme perché vi sia uno sforzo da parte delle varie giurisdizioni sia negli Usa, sia in Europa a trovare un legame comune per evitare che ci siano degli operatori che agiscano in paesi ove la regolamentazione è meno stringente, così come è accaduto durante la crisi.

I punti sui quali insiste l’FSB sono l’aumento di standardizzazione dei contratti, il clearing centralizzato, gli scambia attraverso borse regolamentate, la comunicazione delle operazioni alle autorità. L’elemento comunque più importante riguarda il miglioramento della disponibilità di dati sul mercato dei derivati. Nei prossimi giorni saranno pubblicati due documenti sul miglioramento della supervisione e sulla riforma delle agenzie di rating. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unione bancaria, la mina dei derivati sugli istituti europei

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X