Piazza Affari, dopo avvio incerto gli indici virano in rosso

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi10 aprile 2017 | 12:30

PIAZZA AFFARI SI INDEBOLISCE – Dopo un avvio prudente, gli indici di Piazza Affari si indeboliscono, in linea con l’andamento riflessivo dei principali listini europei. A rovinare la mattinata è il dato, deludente, della produzione industriale italiana e il timore che dopo la Siria il presidente Usa Donald Trump intenda lanciare una rappresaglia militare contro la Corea del Nord. Così a metà mattinata il Ftse Mib segna -0,71%, il Ftse Italia All-Share cede lo 0,64% mentre il Ftse Italia Star rimane a +0,13%.

DELUDE LA PRODUZIONE INDUSTRIALE – Quanto agli aspetti macro, secondo l’Istat a febbraio l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dell’1% su base mensile, contro attese di consenso pari a +1,3%. Corretto per gli effetti di calendario l’indice è aumentato in termini tendenziali dell’1,9% (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 21 di febbraio 2016), in questo caso contro attese medie del 2,4%. Domani toccherà al governo presentare il Documento di economia e finanza (Def) e il Programma nazionale di riforma (Pnr) oltre che la contestuale manovra di correzione da 3,4 miliardi (0,2 punti di Pil), per rispettare gli impegni presi in sede europea.

MONCLER E FINECO IN LUCE, MALE MEDIOBANCA E BPER – Tra le blue chip italiane si mettono in luce Moncler e FinecoBank, oscillando attorno al punto percentuale di rialzo. Ancora meglio fanno, sullo Star, Emak e Panariagroup Industrie Ceramiche, con guadagni superiori al 3%, mentre Gefran ed Eurotech salgono di oltre un paio di punti. Tra le blue chip perdono oltre un punto sia Telecom Italia sia A2A, con Mediobanca e Bper Banca in calo rispettivamente del 2,35% e del 2,05%. Deboli anche D’Amico e Dada che sullo Star perdono oltre due punti ciascuna.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bper Banca pioniere di Whatsapp for Business

Bper, la scalata di Unipol

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

Ti può anche interessare

Fisco, miniera d’oro dal mattone

Nel 2018 le tasse sul mattone hanno generato un gettito complessivo di quasi 40 miliardi di euro. In ...

Doppia nomina tra i responsabili di Consob

Nuovi responsabili per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza e per la protezione dei D ...

Risparmio gestito: finisce l’era dei soldi facili

Baronio (Bain&Co.): “A rischio il modello di business di alcune sgr” ...