Dati buoni e volatilità

A
A
A
di Redazione 2 Dicembre 2010 | 08:30
Ieri sono stati rilasciati dati macroeconomici che in molti casi sono risultati essere migliori delle aspettative.

Il PMI manifatturiero cinese ha fatto registrare 55.2 contro aspettative di 54.8, segnando così il valore massimo degli ultimi sei mesi, mentre le vendite al dettaglio della locomotiva europea, la Germania, hanno toccato l’incremento maggiore degli ultimi anni, con un +2.3% sul mese di ottobre. La notizia più inaspettata arriva invece dall’Inghilterra, dove il PMI manifatturiero ha vastamente superato anche le più rosee aspettative, che si attestavano a 54.8, mostrando un 58.00. Il report ha dettagliato il migliore dato dallo scorso giugno, rilevazione che è salita per la terza volta consecutiva, testimoniando come il settore manifatturiero anglosassone stia mostrando segnali di stabile ripresa. Sebbene, come sappiamo, il manifatturiero rappresenti soltanto una piccola porzione dell’economia inglese, il dato ci dà comunque buone indicazioni sullo stato di salute generale dell’economia ed è probabile che, domani, quando verrà pubblicato il PMI dei servizi, si assista ad un’ulteriore superamento delle aspettative del mercato.

La reazione della sterlina non si è fatta attendere, ma non è stata in grado di prendere lo slancio necessario per rompere importanti punti di resistenza, come vedremo nella sezione dedicata all’analisi tecnica. Negli Stati Uniti sono stati comunicati gli ADP (dato anticipatore dei Non Farm Payrolls) che è uscito a +93k, migliore delle attese a +70k mentre l’ISM manifatturiero ha rispettato le attese, segnando un buon 56.6 per il mese di novembre. La bontà di queste due rilevazioni ci fa ben sperare per i dati sulle nuove buste paga nel settore non agricolo che verranno comunicate domani e che dovrebbero attestarsi ben al di sopra del 100.000 (consensus di 142.000). Sarà importantissimo anche vedere se il dato precedente, +151k posti di lavoro, verrà rivisto pesantemente a ribasso. In caso contrario, pensiamo che il dollaro possa beneficiarne nel breve periodo.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: i target price di Goldman Sachs sui cambi principali

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X