Debutto americano per la Fiat 500

A
A
A
di Eliana Pelucchi 20 Dicembre 2010 | 12:00
Lingotto in Usa dopo 27 anni

L’avventura americana di Fiat riparte con la mitica 500, vera e propria icona dell’automobilismo italiano. Attesa come una star, la piccola citycar italiana a stelle e strisce ha fatto il suo debutto ufficiale nel mercato Usa al Salone dell’auto di Los Angeles che ha aperto i battenti il 19 novembre mettendo in mostra più di 50 modelli nuovi ed esponendo oltre 900 tipi di veicoli. Il Lingotto affida, quindi, alla mitica automobile il suo ritorno sul mercato americano dopo ben 27 anni di assenza. E già prima ancora del suo debutto la piccola torinese, che avrà la dicitura Cinquecento nel logo, è già andata a ruba: è stata richiesta da 500 clienti, che hanno già versato a Chrysler l’anticipo, mentre oltre 1.000 automobilisti attendono in lista. La Fiat 500 americana arriva dal Messico, proprio per la sua posizione del paese che garantisce un collegamento sia con il Nord America sia con l’America latina, dove il gruppo americano occupa già un posto di rilievo nel mercato locale. Rilanciata nel mercato italiano nel luglio del 2007 (esattamente mezzo secolo dopo la prima produzione) l’auto simbolo del vero design made in Italy, rappresenta una vera e propria icona che ha ottenuto grandi successi di vendite: oltre 500.000 esemplari in circa 80 paesi. L’obiettivo di Fiat negli Usa è quello di vendere 50 mila vetture entro la fine del 2011. Tutto quindi è ormai pronto perché l’avventura americana del Lingotto possa cominciare.
Oltre al debutto ufficiale della 500, Chrysler Group ha infatti alzato il velo sul Motor Village, la prima concessionaria Fiat monomarca che aprirà a Los Angeles nel primo trimestre del 2011.
Come spiega il colosso di Detroit in una nota, è questo il modo per «sperimentare modi nuovi e innovativi di presentare al pubblico le vetture».

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Trader o psicopatico? Il confine è sempre più labile

Un Natale di lusso

A un italiano il primo Apple della storia

NEWSLETTER
Iscriviti
X