Glg (Man), puntare su sanitario, materie prime e consumi

A
A
A

Gli analisti sono fermamente convinti che gli ostacoli che hanno penalizzato i corsi azionari, come le scadenze dei brevetti, siano ormai superati e intendono rafforzare le posizioni nelle fasi di debolezza

di Redazione31 agosto 2011 | 09:20

Sanitario, materie prime e consumi sono tra i settori su cui Glg, società del Gruppo Man, consiglia di concentrarsi. Da ormai tre anni il settore sanitario è generalmente sottovalutato. Le previsioni di consenso indicano che è il momento di disinvestire dal comparto ma, scrivono gli analisti, “siamo fermamente convinti che gli ostacoli che hanno penalizzato i corsi azionari, come le scadenze dei brevetti, siano ormai superati e intendiamo rafforzare le posizioni nelle fasi di debolezza”.

Il segmento delle attrezzature minerarie inizia a beneficiare di forti investimenti a seguito degli elevati prezzi delle materie prime e degli ottimi flussi di cassa delle società del settore. In questo contesto emergono alcune interessanti opportunità tra le società di fine ciclo esposte alla costruzione di miniere. Le società d’inizio ciclo esposte agli investimenti minerari, come i fornitori di ricambi per il processo di produzione, hanno già registrato un picco della domanda e offrono quindi un’opportunità di short.

La ripresa economica registrata a partire dai minimi d’inizio 2009 e la crescente domanda da parte delle economie emergenti hanno spinto in forte rialzo i prezzi del petrolio. “In questo contesto”, scrivono sempre gli analisti, “ci concentriamo sulle opportunità nelle aree E&P e nei servizi petroliferi.

La storia, continuano gli esperti, insegna che le aziende high-tech di successo ottengano risultati eccellenti e duraturi, una caratteristica ovviamente molto ambita. La logica conseguenza è che le società tecnologiche che non riescono a sfondare vengono duramente punite e possono perdere più del 70% del loro valore durante una fase di forte innovazione. Si tratta dunque di un comparto molto impegnativo in termini di selezione dei titoli, ma che può anche produrre eccellenti rendimenti, soprattutto quando si è in grado di esprimere le proprie convinzioni tramite posizioni corte oltre che lunghe.

“Non condividiamo”, dichiarano gli specialisti, “l’opinione prevalente secondo cui i prezzi di metalli e minerali dovranno senz’altro subire una forte correzione nel breve periodo. Riteniamo inoltre che gli investitori non potranno continuare a ignorare la capacità degli operatori minerari di generare ingenti flussi di cassa nei prossimi anni. Consideriamo pertanto ingiustificata la bassa valutazione dei titoli minerari in base ai multipli degli utili”. In conclusione, “il settore offre chiare opportunità di alpha, ma il timing e la convinzione svolgeranno un ruolo fondamentale”.

Il settore dei beni di consumo offre opportunità d’investimento molto articolate, che rispecchiano il suo variegato panorama. Il comparto del lusso rappresenta un mezzo efficace per sfruttare la crescita di Paesi come Cina e India, dato che potrebbe espandersi a un tasso multiplo rispetto al Pil. A livello di singoli titoli, saranno particolarmente premiati quelli che hanno sviluppato o sapranno sviluppare una solida presenza in Asia.

Per finire, un tema ciclico che sta senz’altro prendendo piede è quello dei viaggi, sia d’affari che di piacere. Anche il contesto operativo per la distribuzione al dettaglio generica registra miglioramenti, pur partendo da una base di confronto molto bassa, e le valutazioni sono particolarmente convenienti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il “buy” del consulente – 25/09/18, da Banca Sistema a Telecom Italia

Spauracchio investimenti, dopo i diamanti arriva l’allarme francobolli

Pesca grossa da Mps per Banca Euro

Il velo di Maya dei conti pubblici italiani

Il tocco della consulenza finanziaria

Pir, un flop per le pmi

Il “buy” del consulente – 21/09/18, da Enel a Gamenet

Nasce lo “spin off” di Nafop: il profilo di AssoScf

Fondi, top e flop del 19/09/18

Blackrock punta sui buoni (del tesoro)

Bufi (Anasf) risponde alle accuse del consulente

Poker di Invesco sull’Etf Plus

Fondi, top e flop del 18/09/18

Investimenti, occasione azionario

Il “buy” del consulente – 17/09/18, da Banca Generali a La Doria

Mediolanum CU tra arte, progresso e valore

Il “buy” del consulente – 7/09/18, da A2a a Zignago Vetro

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Advisory Apocalypse Now

Anche Bluerating è a Cernobbio

Asset Alloction: il gestore spiega l’impatto di un rating “basso”

Il “buy” del consulente – 6/09/18, da A2a a Telecom Italia

Poste, Consob sanziona l’ex direttore condannato

Consulenza e certificati, il punto sull’efficienza fiscale

Fineco alla prova dei risparmiatori

Consob, Bertezzolo prende servizio

Mercati, i “buy” del 4 settembre 2018

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Alcune irregolarità, la sanzione è la sospensione per un cf Mediolanum

Consulenti, 5 consigli per ripartire al top

Credem, la forza del leasing

Consulenti, qualche dritta per la pensione anticipata

Cointestatario incassa buono postale all’insaputa degli altri: il rimedio c’è

Ti può anche interessare

La scure di Esma: bye bye opzioni binarie (per ora)

Tra divieti e limitazioni, guerra dichiarata anche ai cfd ...

Banca Imi: ecco a voi una nuova obbligazione in euro

L'Obbligazione Collezione Tasso Variabile Euro Serie VI offre l’opportunità di un rendimento annu ...

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Da un recente studio Consob emerge che alcuni prodotti sono cari e poco redditizi. E che spesso a gu ...