Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Settembre 2011 | 13:08
I crescenti timori di una recessione globale si sono tradotti in una netta correzione dei mercati azionari e valutari

Di seguito la nuova strategia d’investimento di Swiss & Global Asset Management, per il mese di settembre 2011. 

I crescenti timori di una recessione globale si sono tradotti in una netta correzione dei mercati azionari e valutari. Queste preoccupazioni sono state alimentate da indicatori economici negativi e dalla crisi del debito che continua ad aleggiare sull’Europa e hanno indotto gli investitori a cercare rifugio nei titoli di Stato di alta qualità, nel franco svizzero e nell’oro.

Asset allocation
•Le differenze di valutazione tra azioni e obbligazioni si sono ulteriormente ampliate. Per un’inversione di tendenza sarebbero necessarie una stabilizzazione negli USA e un’azione più incisiva delle autorità politiche relativamente alla crisi del debito in Europa
• Le attuali turbolenze sul mercato azionario e obbligazionario off rono nuove opportunità nel lungo periodo. Tuttavia, a breve termine prevediamo una volatilità elevata. Abbiamo ridotto l’esposizione azionaria a neutrale; sovrappesiamo la liquidità

Obbligazioni
• I premi al rischio sulle obbligazioni societarie sono interessanti. Molte imprese industriali presentano bilanci e fondamentali
solidi. Rimaniamo cauti nei confronti di banche e utilities.
• Le misure della BNS a sostegno del franco svizzero manterranno bassi i tassi in CHF per un certo tempo. Sfruttiamo le oscillazioni dei tassi a breve termine per incrementare la duration a un livello neutrale. Privilegiamo i mercati creditizi. Rispetto al mercato monetario i rendimenti attesi per i titoli di Stato non sono appetibili

Azioni
•Almeno il 60% dei dati fi nora pubblicati per il secondo trimestre ha superato le attese
• L’elevato indebitamento negli USA e in alcuni paesi europei pesa sulle previsioni di crescita. L’attuale contesto macroeconomico favorisce i segmenti difensivi del mercato azionario

Investimenti alternativi
• Materie prime: la domanda fi sica sostenuta spinge i prezzi al rialzo. Privilegiamo l’oro come copertura, i metalli industriali e ora anche l’energia
• Immobili: le preoccupazioni sulla situazione economica svizzera provocate dal vigore della valuta elvetica penalizzano anche gli investimenti immobiliari indiretti. Privilegiamo i fondi a bassa capitalizzazione
• Hedge fund: alla luce delle turbolenze del mercato continuiamo a preferire i gestori a più basso beta. Privilegiamo le strategie Macro discrezionali; la ponderazione delle strategie Event Driven resta elevata

Valute
• Il venir meno della fi ducia in una soluzione della crisi del debito e i timori di una recessione hanno fatto apprezzare il franco svizzero
• Questo rialzo è stato frenato temporaneamente grazie agli interventi della BNS sul mercato dei tassi a breve termine. Privilegiamo la corona svedese e norvegese rispetto all’euro, il dollaro canadese rispetto al dollaro USA ed evitiamo il franco svizzero

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Ti può anche interessare

Ubi, sale la raccolta diretta bancaria

Come riporta l’agenzia Teleborsa, nel primo semestre 2019 UBI ha registrato un utile al netto ...

La gufata del venerdì: la Bce ha il cannone scarico

Gli economisti lo chiamano il cigno nero: l’evento dalle conseguenze catastrofiche che può causar ...

Italia, i dazi Usa ci costano 4,3 miliardi

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell’ambito della lunga battaglia legata ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X