Carmignac Gestion, Europa-Giappone, quali le differenze?

La crisi dell’eurozona ricorda quella che ha colpito il Giappone negli anni 90 a seguito della bolla immobiliare. Ma le differenze superano le analogie, motivo per cui la soluzione non può essere la stessa. Ne è convinto Didier Saint-Georges, Membro dell’Investment Committee di Carmignac Gestion. Il rischio di “giapponesizzazione” delle economie sviluppate, e dell’Europa in particolare, è sulla bocca di tutti, ha osservato Saint-Georges. “Ognuno può vedere che i nostri governi rischiano di ripetere esattamente lo stesso errore commesso dalle autorità nipponiche nei primi anni ’90: sottovalutare il rischio di rallentamento congiunturale e le esigenze di capitalizzazione del settore bancario.

Il Giappone ha perso il decennio 1991-2000 perché il sostegno monetario e di bilancio è stato troppo a lungo esitante ed i bilanci delle banche, provati dallo scoppio della bolla immobiliare nell’arcipelago, si sono mantenuti per troppo tempo ad un livello sufficiente per sopravvivere, ma insufficiente per dare un forte impulso al rilancio.

Per quanto illuminante, questa analogia ha comunque i suoi limiti. Il Giappone ha certamente subito un rallentamento duraturo della crescita, ma il suo modello economico vi si è adattato. Riducendo il ritmo dei consumi, i cittadini hanno aumentato in misura massiccia il tasso di risparmio, permettendo al governo di finanziare un debito pubblico colossale.

Al contempo, gli esportatori nipponici, già molto reattivi, hanno saputo cogliere le opportunità offerte loro dal resto del mondo (soprattutto Stati Uniti ed Europa), non colpito dagli stessi problemi del Giappone. Il modello europeo di oggi è alquanto differente: la maggior parte dei grandi paesi ha bisogno della fiducia dei finanziatori internazionali per assorbire il debito pubblico e gli Stati Uniti (e la Germania) non possono svolgere il ruolo di potenti locomotive delle esportazioni europee. Di conseguenza, nello stato attuale uno scenario “alla giapponese” non è applicabile alla situazione europea. L’eurozona dovrà trovare le proprie soluzioni”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!