Martedì col fiato corto per Mediolanum e le altre

A
A
A

Commento alle performance del BlueIndex del 4 ottobre 2011. Intanto, a Piazza Affari…

Maria Paulucci di Maria Paulucci5 ottobre 2011 | 13:26

Piazza Affari in positivo, a metà pomeriggio di mercoledì 5 ottobre, dopo la bocciatura dell’agenzia di rating Moody’s, che ha abbassato il giudizio sull’affidabilità dell’Italia di tre punti, da AA2 A2, con prospettive negative anche se la possibilità di un default del Paese “è remota”.

Il Ftse Mib alle 15.00 di mercoledì 5 ottobre guadagna il 2,6%, con Mediolanum che è tra i cinque titoli migliori, avanzando di oltre quattro punti percentuali.

In attesa della chiusura, il BlueIndex offre un resoconto sulla chiusura dei 40 titoli quotati sui listini mondiali che lo compongono.

I 40 titoli appartengono a banche e istituzioni finanziarie. Tra queste Azimut, Banca Generali e Mediolanum. Ovvero, le tre società del risparmio gestito quotate a Milano. Martedì 4 ottobre, i tre titoli hanno chiuso in territorio negativo, con Azimut che ha fatto peggio di tutti: -6,04%. Per Mediolanum la perdita è stata di poco inferiore: -4,45%. Rosso anche il bilancio fi fine giornata di Banca Generali: -1,31%.

Giù, sempre martedì, il comparto bancario a Piazza Affari. A livello europeo crollo per Dexia (-22,46%). “Stiamo lavorando a una soluzione solida, strutturata, per la banca”, ha detto mercoledì 5 ottobre il ministro dell’Economia francese Francois Baroin. Nei giorni scorsi è venuto fuori che la banca franco-belga – nazionalizzata nel 2008 a seguito del crac Lehman e in possesso di oltre 20 miliardi di euro di bond dei Pigs – è di fatto in crisi di liquidità.

Martedì debole Axa (-6,88%), che però ha confermato gli obiettivi al 2015.

Altrove ha fatto bene Janus Capital, che giovedì annuncerà i risultati del terzo trimestre: martedì 4 ha chiuso con un +6,22%. Acquisti anche su Citigroup (+5,54%) e Bank of NY Mellon (+6,21%). Ottima performance, sempre martedì, per Morgan Stanley (+12,35%), nonostante le voci insistenti su un possibile default.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut pigliatutto nei reclutamenti

Azimut, l’estero trascina la raccolta

Debutta Azimut Private Debt

Parte IMPact Sim, i tre supergestori ex di Azimut tornano in scena

Azimut, che colpi nel Nord Ovest

Il ruggito di Azimut nel reclutamento

Fideuram ISPB in cima, Azimut in fondo

Il deal Sofia fa bene alla raccolta di Azimut

Peninsula, dove investe il nuovo socio di Azimut

Azimut, Giuliani: “Credono in noi”

Azimut si rafforza con un nuovo socio

Azimut investe nell’olio biologico

Azimut prende 11 private banker da Fineco

I fondi di Sofia ora sono di Azimut

Azimut, nuovo socio in vista

Timone Fiduciaria salirà in Azimut

Azimut, frenata d’inizio anno

 Azimut, patto di sindacato in manovra

Azimut, l’estero sorregge la raccolta

Azimut e Banca Generali regine dei dividendi

Reclutamento, tre big in doppia cifra

Martini (Azimut CM): “I nostri piani per il ricambio generazionale”

Azimut CM, il 2018 parte a forza 20

Azimut, arriva il cedolone

Albarelli (Azimut): “Così lavora il nostro Global Team di gestori”

Azimut, marzo deboluccio

Le donne d’oro, Di Pietro (Azimut): “Contano i numeri”

Azimut, compreremo ancora

Azimut prende Bocchin

Secondo miglior utile della storia per Azimut

Azimut, Timone Fiduciaria punta a salire

Azimut, raccolta granitica a febbraio

Azimut punta sempre più sulla Cina

Ti può anche interessare

La tecnologia al servizio degli investimenti

Sono in arrivo nuove innovazioni sulla piattaforma ActivTrader. Saranno presentate nel corso del pro ...

I finalisti dei PRIVATE Banking Awards, categoria Avvocato

A partire da oggi su questo sito pubblicheremo i finalisti dei PRIVATE Banking Awards, che verranno ...

La scure di Esma: bye bye opzioni binarie (per ora)

Tra divieti e limitazioni, guerra dichiarata anche ai cfd ...