Fiat in gran spolvero, Terna tra i peggiori

A
A
A
di Maria Paulucci 5 Ottobre 2011 | 17:07
Chi vince e chi perde nella seduta di oggi a Piazza Affari

Chiusura in positivo per Piazza Affari a Milano, malgrado la bocciatura subita dall’Italia da parte di Moody’s. Il Ftse Mib ha chiuso a +3,94%, guidato dagli industriali e in particolare dall’automotive.

Rimbalzo con i fiocchi per Fiat Spa, che ha archiviato la seduta con un +10,09%, e per Fiat Industrial, salita del 7,41% a 5,25 euro rispetto ai valori di apertura. Il tutto a dispetto dei dati arrivati dal Brasile. Il Lingotto ha registrato a settembre un calo delle immatricolazioni nel Paese pari all’11%: ben 47.500 unità, con una quota di mercato al 20,9%. Le vendite di auto nuove sono scese del 3% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Bene, in questo contesto, anche Pirelli&C. (+7,19%).

Unici titoli in rosso sul listino principale Terna e Campari, che hanno lasciato sul terreno rispettivamente il 2,51% e l’1,76%, e Finmeccanica (-0,61%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borsa Italiana, nel 2020 scambi in crescita ma Ipo in calo

I malumori della Brexit e l’azzardo di Johnson

Banca Generali entra nell’indice FTSE Mib al posto di Montepaschi

NEWSLETTER
Iscriviti
X