E il fisco fa tutti contenti

A
A
A

Una volta tanto l’Italia si allinea all’Europa che non ha proposito vessatori nei confronti del nostro paese ma anzi fa tutti contenti…

di Redazione24 febbraio 2011 | 16:22

Incredibile. Una volta tanto l’Italia si allinea all’Europa che non ha proposito vessatori nei confronti del nostro paese ma anzi fa tutti contenti. I fondi d’investimento italiani avranno un sistema di tassazione che si allinea a quelli degli altri prodotti europei. Sorte analoga toccherà a possessori di azioni e tioli di stato. Il meccanismo è semplice e finalmente logico: si paga su quello che si è guadagnato una volta che si è usciti dall’investimento. Si pagherà tutti uguali, il 12,5%. Si comincia il primo luglio. La decisione né contenuta nel decreto Milleproroghe del 2011 in procinto di entrare in vigore dopo tutti i placet parlamentari del caso. Finora i possessori di fondi d’investimento italiani erano sottoposti a un complicato meccanismo di accantonamento quotidiano che ha fatto drizzare i capelli a gestori e clienti e generando un credito d’imposta alto come una montagna: 4 miliardi di euro.

Un ulteriore trappola lungo il cammino dell’industria del risparmio gestito. Ma da luglio cambia tutto, anzi si farà all’europea come già fanno i possessori di sicav irlandesi e lussemburghesi. Si paga su quello che si guadagna. Esempio: se ho comprato un fondo per cento euro e decido di disinvestire con il fondo a una quota di 110, pagherò il 12,50% sul 10 di guadagno. Stop. Cambierà persino il modo di leggere le tabelle o internet: infatti, mentre oggi quando si guardano le performance quotidiane dei fondi sulle pagine economiche dei giornali, le cifre che si leggono sono al netto delle tasse, mentre dal primo luglio le quote saranno lorde. Infine le tasse che si pagheranno andranno a scalare dal monte del credito d’imposta fin qui accumulato che renderà il meccanismo di tassazione neutro nei confronti delle società di gestione e le aiuterà a smaltire il pregresso accumulato.

Per arrivare a una situazione ottimale ci vorrà del tempo, che si accorcerà se il mercato si riprenderà e comincerà a crescere con più forza. Una decisione fiscale che ha fatto tutti contenti. Un’opinione per tutte, quella del presidente dell’Associazione italiana del private equity e del venture capital (Aifi), Giampio Bracchi, ha detto che il nuovo regime, livellando le regole del gioco sul piano fiscale, “potrà rafforzare la competitività e la trasparenza del private equity in Italia, incentivando gli investitori internazionali ad investire nei fondi italiani”con risvolti positivi per le Pmi oggetto degli investimenti, mentre “il regime fiscale in vigore ha creato uno svantaggio competitivo notevole rispetto ai fondi di diritto estero e ha generato problemi all’operatività pratica, in quanto non consente ai gestori di applicare i metodi di valutazione delle partecipazioni allineati a quelli previsti dalla prassi internazionale”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Lo spauracchio di una patrimoniale a sorpresa

Gestione della liquidità, quanto pesa il fisco

Consulenza fiscale, la nuova era digitale

Consulenza fiscale, analisi delle entrate a gennaio

Professionisti e fisco: la partita Iva è un salasso

Esma, gli echi della nuova fiscalità Usa preoccupano l’Europa

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Consulenza fiscale: partecipazioni qualificate e non, il dilemma dei dividendi esteri

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Fatture, termine prorogato al 28 settembre

Voluntary, più tempo per mettersi in regola

Manipolazione indici: multe per le grandi banche d’investimento

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Fisco e calcio, un rapporto complicato

Anti-evasione: arriva la stretta

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Trump presenta la sua riforma fiscale, sparisce la tassa sulle importazioni

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Istat: nel 2015 Pil a +0,7%, pressione fiscale resta ferma al 43,4%

Osborne: tagliare le tasse alle imprese per limitare la fuga post-Brexit

Fisco: continua a gennaio la crescita delle entrate erariali

Julius Baer trova l’accordo di massima col fisco Usa

Credit Agricole paga 99,2 milioni di dollari al fisco Usa

La corsa delle entrate fiscali italiane prosegue a ottobre

Via l’Imu sulla prima casa? Ne beneficierà chi vive in un castello

L’immobiliare ha dato una mano all’economia italiana

Voluntary disclosure, nessuna esclusione del quadro Rw

Fisco: ratificati gli accordi con Svizzera, Monaco, Vaticano e Liechtenstein

Voluntary disclosure, le tasse vengono dimezzate

Il mattone riparte, l’Ance chiede riduzione pressione fiscale

Ti può anche interessare

Nasce Italiafintech

Il gruppo di lavoro opererà per sostenere la crescita e promuovere una nuova cultura dei servizi fi ...

Investments on the web, i webinar di Bfc con Banca IMI

Durante gli appuntamenti si parlerà di normative, mercati e scenari di investimento ...

Aberdeen Standard Investments: Bce, una decisione hawkish

Il percorso della Bce verso la normalizzazione della politica monetaria rimane sostanzialmente invar ...