Chaney (Axa IM): mercati globali a un bivio nel 2012

A
A
A
di Redazione 22 Dicembre 2011 | 14:00
Axa IM scommette su uno scenario positivo. Ma per gli esperti, la probabilità di una disgregazione della zona Euro è salita al 25%

Nel 2012 i mercati finanziari globali si troveranno di fronte a un bivio. Ne è convinto Eric Chaney, responsabile della ricerca di Axa IM, che nel suo outlook sul prossimo anno spiega: “se le autorità politiche dell’area dell’Euro riusciranno a convincere i leader del settore privato, i consumatori e gli investitori che sono sulla strada giusta per stabilizzare l’area, ad un certo punto durante l’anno i mercati finanziari globali inizieranno a scommettere su un futuro positivo. Se invece non riusciranno a farlo, potrebbe veramente cominciare un processo irreversibile che porterà a uno smantellamento caotico della zona Euro al primo incidente politico o finanziario inaspettato”.

Dopo una valutazione d’insieme, tuttavia, AXA IM scommette sullo scenario positivo, ma Chaney riconosce che il caso peggiore non è più così improbabile: “al momento la nostra probabilità soggettiva è del 25% per una disgregazione della zona Euro che, a nostro avviso, porrebbe fine alla moneta, devasterebbe il sistema finanziario europeo e trascinerebbe l’economia mondiale in una spirale deflazionista”.

Per quanto riguarda la strategia da adottare, “poiché il 2012 sarà asimmetrico, pensiamo che gli investitori prudenti dovranno prima preoccuparsi di proteggere il proprio capitale a prescindere dalla performance di breve termine. Il momento di aggiungere attività più rischiose nei portafogli globali arriverà solo una volta che i Governi europei avranno fatto buoni progressi sulla nuova struttura fiscale condivisa, il “fiscal compact’ delineato il 9 dicembre e che la Banca centrale europea si aprirà di più al quantitative easing”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X