Ora anche Fitch prepara le cesoie per l’Italia

A
A
A
di Redazione 17 Gennaio 2012 | 13:55
Dopo il declassamento da parte di S&P, anche l’altra agenzia di rating statunitense avverte il nostro Paese che…

Lo spauracchio ora ha un altro volto. Dopo il declassamento di due gradini da parte di Standard & Poor’s, ora anche Fitch punta i riflettori sul debito italiano, annunciando un possibile taglio di rating entro fine gennaio. L’avvertimento è stato lanciato dal senior director top business and relationship management di Fitch Italia, Alessandro Settepani, a margine di un’audizione alla Camera.

“Sicuramente le misure introdotte dal governo italiano sono utili, serie e credibili, ma fino a quando i tassi resteranno alti c’è un problema di costo del rifinanziamento. Tutto questo è un fattore chiave”, ha spiegato Settepani. E in merito alla troppa influenza delle agenzie di rating sui mercati europei e alle possibili misure correttive che potrebbero prendere le istituzioni contro di esse, l’esperto ha spiegato che “c’è un confronto aperto e serrato, sicuramente non siamo preoccupati, dobbiamo spiegare bene quello che facciamo alle autorità. Preoccupazioni non ce ne sono”.

Intanto l’ultima mossa di S&P viene definita “incoerente” dal direttore generale del Tesoro per la gestione del debito pubblico, Maria Cannata. “Contrariamente a quanto i gufi del mercato stanno dicendo la situazione del debito non è esplosiva e rimane sotto controllo anche se certamente non migliora” spiega il dirigente del Tesoro “ma dire che con un decennale al 7% tutto è a rischio non è corretto”. L’auspicio è che nei prossimi mesi possa tornare la voglia di investimento nei titoli di Stato italiani.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X