Malta pronta a prendere il posto della Svizzera

A
A
A
di Biagio Campo 13 Febbraio 2012 | 08:30
L’introduzione del passaporto europeo alla distribuzione per i fondi alternativi creerà un’ulteriore spinta per la ridomiciliazione dei fondi in una giurisdizione europea, a tutto vantaggio di Malta, competitiva per costi e servizi.

Fino a pochi anni fa, un gestore che decideva di lanciare un fondo alternativo sceglieva nella maggior parte dei casi una giurisdizione spesso situata in un’isola caraibica, caratterizzata da un quadro regolamentare semplice, che garantiva flessibilità e costi competitivirispetto a quelli praticati nelle piazze finanziarie di Lussemburgo o di Irlanda. Da qualche anno questo quadro è gradualmente cambiato. I motivi sono molteplici, ma la causa scatenante è stata la crisi dei mutui subprime americani e alcuni crac finanziari come, ad esempio, il caso di Bernard Maddof. Questa situazione ha accresciuto negli investitori il bisogno di maggiore trasparenza da un lato e di maggiori garanzie e protezione degli attivi dei fondi dall’altro.

A questo ha fatto seguito una campagna mediatica molto negativa verso alcune tipologie di fondi, che ha portato a una maggiore attenzione delle autorità verso i  cosiddetti prodotti alternativi e all’emanazione di alcune normative destinate da qui a qualche anno a modificare fortemente il panorama per questa tipologia di fondi.

“L’ultima affermazione si riferisce in particolare all’Alternative Investment Fund Managers Directive (AIFM) con la quale le autorità europee si propongono di realizzare per i fondi alternativi quello che in passato era stato fatto con la direttiva UCITS per i fondi di tipo tradizionale”, spiegano Claudio Cecchini, responsabile a livello globale e Gianluca Tadiello direttore commerciale per l’Italia e per il Sud della Svizzera di Amicorp Fund Services, società in forte crescita sulla piazza maltese, appartenente al gruppo Amicorp attivo dalla prima metà anni ’90, che opera su basi globali con 41 uffici in 26 Paesi e conta  più di 600 dipendenti nell’offerta di servizi di tipo amministrativo e finanziario che vanno dalla creazione e amministrazione di società e trust, alla consulenza per il set-up di fondi d’investimento fino al calcolo del Nav dei fondi e la gestione del flusso di sottoscrizioni e riscatti (Transfer Agent).
 
“In particolar modo, la AIFM, grazie all’introduzione del passaporto europeo alla distribuzione per i fondi alternativi, creerà un’ulteriore spinta e vantaggi per i fund manager a promuovere o ridomiciliare i propri fondi in una giurisdizione europea”. Questa nuova direttiva, in vigore dal 2013, si applicherà a tutti i fondi non Ucits e, quindi, ai fondi hedge, immobiliari, di private equity ed ai fondi di fondi.
 
“AIFM ha costretto a sua volta la terza piazza finanziaria al mondo a correre ai ripari per non essere tagliata fuori, soprattutto nell’ambito della gestione”. Il riferimento è alla vicina Svizzera, dove recentemente è stata promulgata una legge per la revisione della cosiddetta LiCol, la legge sugli investimenti collettivi del risparmio e, sempre qui, si sono da poco concluse le consultazioni per l’emanazione delle normative secondarie.

L’impatto per gli operatori da una prima indagine sembra elevato, infatti, molti piccoli operatori potrebbero essere costretti a doversi assoggettare alla supervisione dell’organo di controllo, la Finma, per poter continuare a gestire i propri fondi”. L’impatto in termini di costi organizzativi e di struttura al momento non è del tutto quantificabile, ma potrebbe spazzare via dal mercato un gran numero di operatori fino ad oggi sottoposti ad organi di autoregolamentazione.

Allo stesso tempo, il cambio del quadro regolamentare sembra impattare non solo sulla gestione di fondi ma, anche, sul mondo delle gestioni patrimoniali, dove la Svizzera ha sempre fatto da padrona.
 

In ambito europeo Malta sembra in grado di avvantaggiarsi del nuovo quadro regolamentare.
Nell’isola si parla inglese e italiano, si respira l’influenza di molte culture diverse (araba, italiana, anglosassone). E’ collocata nello stesso fuso orario delle principali nazioni Europee, e cosa più importanteha eccellenti connessioni aeree con tutto il mondo ed, in particolare, con i Paesi Europei.
Le Autorità Maltesi, a differenza di altre, sono molto pro-business e hanno tempi di risposta assai rapidi.

A Malta, avendo quest’ultima accolto le direttive europee, si possono creare fondi Ucits del tutto simili alle Sicav Lussemburghesi o prodotti alternativi. “I prodotti alternativi siano essi fondi hedge, di private equity o real estate, si possono costituire attraverso un veicolo appositamente pensato per questo tipo di strategie; questo veicolo il PIF (Professional Investor Fund) con delle soglie d’ingresso di 10.000, 75.000 e 750.000 Euro e con un livello di protezione dell’investitore parametrato, sia alla soglia d’ingresso, che alla tipologia d’investitore, viene incontro alla maggioranza delle esigenze imprenditoriali di ciascun gestore/promotore nel campo dell’asset management”, concludono Cecchini e Tadiello.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

I vantaggi della domiciliazione dei fondi a Malta

NEWSLETTER
Iscriviti
X