Tfr, saldo entro domani

A
A
A
di Redazione 15 Febbraio 2012 | 11:30
Domani 16 febbraio si chiude l’imposta sostitutiva dell’Irpef dovuta sull’incremento annuale del capitale accantonato per il trattamento di fine rapporto di lavoro

Entro la giornata di domani 16 febbraio vanno depositati i sostituti d’imposta in cassa per rispettare, senza incorrere in sanzioni, l’appuntamento con il saldo dell’imposta sostitutiva dell’Irpef sulle rivalutazioni del trattamento di fine rapporto dei dipendenti, che si sono determinate nel 2011. L’importo da pagare è ciò che rimane scalando dall’importo complessivo l’acconto corrisposto nel mese di dicembre. 
Questa scadenza non riguarda la liquidazione finale del Tfr, che segue le regole ordinarie, ma la sua rivalutazione annuale, sulla base dell’articolo 2120 del codice civile che disciplina la materia. Esclusi dal tributo, inoltre, ci sono i fondi pensionistici complementari. 
Le quote di trattamento di fine rapporto accantonate al 31 dicembre di ogni anno (escluse quelle maturate nell’anno stesso) dai sostituti d’imposta per i loro assistiti vengono, quindi, maggiorate applicando un coefficiente costituito da un tasso fisso dell’1,5%, più uno variabile, pari al 75% dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, accertato dall’Istat, rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente.

L’11% per cento di questo aumento di capitale costituisce l’imposta sostitutiva dell’Irpef da versare al Fisco. 
Chi ha la partita Iva può usare, per il pagamento, solo il canale telematico, attraverso il modello F24, che consente di compensare eventuali altri crediti tributari e contributivi: il codice da indicare nella “Sezione Erario” è il numero 1713.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

“Prezzi da saldo nel comparto delle materie prime”

NEWSLETTER
Iscriviti
X