Un Btp retail indicizzato all’inflazione. Sul web

A
A
A
di Redazione 15 Febbraio 2012 | 15:01
La novità è che i piccoli risparmiatori potranno prenotarlo in asta direttamente online, dalle piattaforme di trading, anziché passare dalla banca

Il tesoro lancerà direttamente sul Mot di Borsa Italiana entro i primi dieci giorni di marzo un nuovo Btp retail. Taglio minimo di 1000 euro e durata triennale. Un nuovo BTp, indicizzato all’inflazione, di durata probabilmente inferiore rispetto a quella minima attualmente prevista per i BTpi (quelli indicizzati appunto all’inflazione, già disponibili per le durate dai 5 ai 30 anni). La novità è che i piccoli risparmiatori potranno prenotarlo in asta direttamente online, dalle piattaforme di trading, anziché passare dalla banca presso cui hanno il conto titoli (come è previsto dalla procedura attuale).

Un nuovo BTp, indicizzato all’inflazione, di durata probabilmente inferiore rispetto a quella minima attualmente prevista per i BTpi (quelli indicizzati appunto all’inflazione, già disponibili per le durate dai 5 ai 30 anni). La grande novità? I piccoli risparmiatori potranno prenotarlo in asta direttamente online, dalle piattaforme di trading, anziché passare dalla banca presso cui hanno il conto titoli (come è previsto dalla procedura attuale).
Maria Cannata, dirigente generale e capo direzione Debito pubblico del ministero dell’Economia e delle Finanze, nel corso di un’audizione al Senato, ha detto : «Il nuovo titolo è destinato al risparmiatore privato italiano e collocato direttamente online sulla piattaforma MoT della Borsa italiana».
I dettagli ufficiali dovrebbero essere resi noti tra pochi giorni ma da fonti interpellate da Reuters trapelano già alcuni dettagli. «Si tratterà certamente di un titolo indicizzato all’inflazione e sarà di durata pluriennale».
Il lotto minimo dell’investimento sarà di mille euro. Ma ci sono ancora alcuni dubbi da sciogliere: dal tipo di inflazione a cui indicizzare i nuovi titoli (se sarà l’inflazione della zona euro come previsto per gli attuali BTpi o quella italiana), alla cadenza delle cedole (a uno, tre o sei mesi), alla decisione se offrire lo strumento solo alla clientela retail italiana o anche a quella straniera.
«Tutti questi dettagli si stanno ancora definendo, per essere pronti a emettere tra la fine di febbraio e i primi di marzo» dice un’altra fonte.
Il Tesoro intende emettere questi titoli direttamene sulla piattaforma MoT, il mercato elettronico regolamentato dedicato al retail, raccogliendo ordini di acquisto proprio attraverso il circuito della stessa piattaforma. Lo stesso Tesoro lo scorso ottobre – quando ha tracciato per la prima volta le linee guida sul nuovo titolo – ha indicato: «Viene dunque attivato un canale di emissione aggiuntivo e diverso da quello tradizionale, completamente dedicato agli investitori individuali, che potranno aderire all’offerta del Tesoro secondo le modalità che attualmente utilizzano per impartire ordini di acquisto titoli alla banca presso cui detengono il conto titoli».
Dal 2012 il Tesoro punta a raccogliere 450 miliardi di euro in titoli di Stato. Con questa iniziativa il Tesoro punta insomma ad allargare la base di investitori retail, per sostenere il debito pubblico italiano. Considerando che gli istituzionali, anche dopo i tagli della agenzie di rating, hanno fatto un fuggi fuggi.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X