Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi16 maggio 2017 | 15:28

STERLINA DIETRO FRONT – Che succede alla sterlina? Dopo il dato di stamane dell’inflazione di aprile, risultata pari al 2,7% annuo (dal +2,3% di marzo e contro previsioni di consenso pari a +2,6%), la valuta britannica che aveva aperto la giornata toccando i massimi dell’ultima settimana ha iniziato a perdere terreno, scivolando sotto 1,1645 contro euro e tornando a 1,29 contro dollaro, peraltro dopo aver registrato anche un minimo intraday a 1,2885 in mattinata.

BANK OF ENGLAND NON ALZERA’ I TASSI – A pesare è la diffusa sensazione che neppure con l’inflazione in rialzo la Bank of England (che la scorsa settimana aveva alzato le sue previsioni relative all’andamento dei prezzi al consumo) deciderà di alzare i prezzi, complici i timori delle conseguenze che una “hard Brexit” sempre più probabile potrebbe avere sull’economia britannica.

BREXIT, IL PRECEDENTE DI SINGAPORE – A pesare sulla valuta inglese è anche la decisione della Corte di Giustizia Ue che stamane ha dichiarato che l’accordo di libero scambio con Singapore non può, nella sua forma attuale, essere concluso dalla sola Ue, dovendosi anche esprimersi i singoli stati membri in particolare per quanto riguarda le regole per la risoluzione delle controversie, che privano gli stati di poteri che gli sono propri e sui quali è dunque necessaria un’espressione diretta di volontà di cessione. Decisione che costituirà un precedente cui rifarsi nei negoziati sulla Brexit tra Ue e Gran Bretagna, complicando la situazione di Londra che dovrà convincere anche i singoli 27 stati quanto proporrà una nuova intesa commerciale post-Brexit.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Ti può anche interessare

Banca Imi lancia 8 nuovi certificati

Banca Imi, la banca di investimento del Gruppo Intesa Sanpaolo, introduce una novità tra i certific ...

Impact Investing: perché far investire i tuoi clienti in un mondo migliore (WEBINAR)

In tutto il mondo gli investitori prestano una crescente attenzione all’aspetto della sostenib ...

Consob e Procura di Roma, patto contro l’abusivismo finanziario

Stretta di mano per la vigilanza. Consob e la Procura della Repubblica di Roma, hanno infatti recent ...