Aleggia lo spettro della fuga dai depositi bancari Ue

A
A
A
Avatar di Redazione 22 Maggio 2012 | 10:40
Ora si teme la fila agli sportelli in tutta Europa, come è avvenuto in Grecia. Intanto la Bce pensa al piano B…

Atto primo: fuga dai depositi. In una delle puntate dove, a fare da sfondo, è la tragedia greca con la paura, da parte dei mercati dell’addio di Atene, le banche europee temono una fuga dei depositi, che in parte sta già avvenendo. A lanciare l’allarme, per primo, è stato il Wall Stret Journal. Il timore, insomma, è che se la Grecia dovesse davvero lasciare la moneta unica, le file agli sportelli bancari dei clienti per ritirare i loro depositi (come accaduto in Grecia) possa ripetersi anche in altri paesi della periferia dell’area euro.

Così, per fare fronte a questo rischio, pare che alcuni all’interno dell’Ue stiano considerando l’introduzione di un piano pan-europeo di garanzie sui depositi, che si andrebbe a sommare a quelli nazionali già esistenti. “Ancora non è chiaro”, si legge nelle pagine del Wall Street Journal, “quanto sia stato sviluppato il piano per offrire garanzie ai depositi. Secondo alcuni analisti, gli istituti bancari di Paesi come Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna potrebbero perdere rapidamente fra i 90 e i 340 miliardi di euro di depositi se la Grecia uscirà dall’area euro.

La Spagna, tra tutti, sarebbe il paese più colpito con una cifra compresa fra i 38 e i 130 miliardi di euro. E le conseguenze di una fuga di questo tenore potrebbero essere disastrose per le banche, alcune delle quali potrebbero trovarsi a corto di fondi e fallire, mentre le più solide si troverebbero a dover ridurre fortemente il credito e liberarsi degli asset per mantenere i fondi. La Banca Centrale Europea potrebbe evitare questa catastrofe con nuovi prestiti a basso costo. Spunta, insomma, un piano di garanzie della Bce.

Quanto all’Italia, le garanzie offerte ai clienti oggi sui loro conti in banca ammontano a 103mila euro, in Gran Bretagna a 105,2mila, in Usa a 195,7mila, in Portogallo a 25mila, in Norvegia a 263,1mila euro mentre in Irlanda non c’è limite.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

L’incognita inflazione e gli effetti paradossali delle aspettative degli investitori

Obbligazioni europee nel 2021, focus su ripresa e politica

NEWSLETTER
Iscriviti
X