Dichiarazione Iva, ultime ore per il ravvedimento operoso

A
A
A
Maria Paulucci di Maria Paulucci 26 Maggio 2017 | 10:50
Entro il 29 maggio sarà possibile regolarizzare l’omesso versamento tramite ravvedimento operoso.

Entro la giornata di lunedì 29 maggio, i contribuenti esercenti attività d’impresa o attività dichiarazioneartistiche o professionali titolari di partita Iva, obbligati a presentare la dichiarazione Iva 2017, relativa all’anno d’imposta 2016, che non hanno provveduto all’adempimento entro il termine del 28 febbraio 2017, possono regolarizzare l’omissione mediante ravvedimento operoso. È quanto comunica il sito Fiscooggi.it, rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate.

La dichiarazione va trasmessa esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati. La sanzione deve essere versata utilizzando il modello F24 telematico, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste italiane e agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato, con indicazione del codice tributo 8911.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Def, manovra da 29 miliardi. Ma resta da capire come recuperarne 7

Allarme debito, l’aumento Iva è una necessità

Iva, l’aumento selettivo resta un rebus

NEWSLETTER
Iscriviti
X