Con la crisi gli italiani riscoprono il risparmio

A
A
A
di Redazione 27 Giugno 2012 | 13:56
E per qualche intermediario potrebbe tornare d’attualità il tema del rafforzamento

In tempi di incertezza sul fronte lavorativo e sotto il profilo del prelievo fiscale, gli italiani sembrano voler rivedere dei propri modelli di spesa che, salvo una piccola minoranza, non coinvolge ancora i risparmi fin qui accumulati. In questo senso, sono concordi i risultati di recenti sondaggi, tra cui quello realizzato da Anima sgr con la società di ricerca Gfk Eurisko, secondo cui il 43% degli intervistati (percentuale che sale al 63% se si guarda solo ai “risparmiatori/investitori”) conferma l’obiettivo di incrementare i propri risparmi.

La crisi dunque non sembra destinata, almeno in prima battuta, a far passare di moda i prodotti e servizi del risparmio gestito (e amministrato), anche se un 14% degli intervistati ha risposto di aver preferito iniziare a intaccare i risparmi fin qui accumulati per mantenere il più possibile invariato il proprio tenore di vita. Se tutto questo è vero, c’è da attendersi che molti risparmiatori continueranno a lungo a chiedere prodotti e servizi a capitale garantito o protetto e che probabilmente cresca col tempo la richiesta di prodotti assicurativi e di previdenza integrativa, a scapito di prodotti azionari, derivati o prodotti con una leva finanziaria più o meno elevata. E qui si apre una riflessione: se l’approccio prudente appare corretto in un momento di incertezza sui costi e i tempi della crisi, va da sé che anche la redditività delle attività legate al risparmio gestito rischia di calare, mentre la crescente competizione potrebbe rendere relativamente difficile comprimere i costi.

Per qualche intermediario potrebbe dunque tornare d’attualità la domanda se valga la pena continuare a investire, se non sia invece il caso di cercare di vendere al meglio le proprie attività o, ancora, se sia meglio unire le forze con altri attori del comparto. Il tema dell’m&a sembra quindi destinato a rimanere a lungo sotto i riflettori e a influenzare l’attività di promotori finanziari e private banker se non altro in termini di prospettive reddituali, oltre che sotto l’aspetto organizzativo, nonostante la rinnovata passione degli italiani per il risparmio più che per i consumi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credito Valtellinese da monitorare dopo il nuovo piano industriale

Gedi sale grazie a Persidera, si può provare a fare trading

Autogrill vuole tornare a crescere

NEWSLETTER
Iscriviti
X