Liborgate, la Fsa chiede una riforma sul tasso interbancario

A
A
A
di Redazione 10 Agosto 2012 | 13:27
Martin Wheatley, direttore della Fsa incaricato dal governo britannico di formulare proposte per rivedere il dispositivo di fixing del tasso, ritiene che…

L’autorità britannica dei mercati finanziari (Fsa) ritiene necessaria una riforma o una modifica del Libor, il tasso interbancario al centro di uno scandalo su presunte manipolazioni. Il Libor viene fissato giornalmente sul mercato londinese e usato in prevalenza per i prestiti in valute diverse dall’euro.

“L’attuale struttura e governance del Libor non sono più adeguate. è necessario riformarlo”, ha affermato Martin Wheatley, direttore della Fsa incaricato dal governo britannico di formulare proposte per rivedere il dispositivo di fixing del tasso. Wheatley, che è anche alla guida dell’authority di deontologia finanziaria Fca, suggerisce in particolare di includere nel metodo di calcolo del Libor dati oggettivi per ridurre le possibilità di manipolazione oltre a prevedere altri tassi di riferimento come base per almeno una parte delle transazioni.

“In alcuni casi esistono altri tassi che potrebbero essere utilizzati più ampiamente e in altri casi ancora si potrebbero identificare o sviluppare nuovi tassi”, ha osservato. Infine, ha concluso, è necessario rafforzare i poteri delle autorità giudiziarie e che regolano i mercati per perseguire i contravventori. Le raccomandazioni dovranno essere finalizzate entro settembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X