Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

A
A
A
di Redazione 21 Agosto 2012 | 07:07
L’attuazione di una serie riforme strutturali nei Paesi periferici dell’area euro, come Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna, ha migliorato la situazione, ma…

A META’ STRADA – Secondo Moody’s ci troviamo nel mezzo del cammino. Le riforme strutturali messe in atto dai Paesi periferici dell’area euro come Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna, ha migliorato la situazione, ma non ha ha ancora completamente risolto gli squilibri esterni emersi in questi paesi prima della crisi. Nel rapporto dell’agenzia di rating si sottolinea inoltre come la correzione nel migliore dei casi sia solo a metà strada e il suo completamento potrebbe richiedere diversi anni.

IL SONDAGGIO DI FITCH – Di tutt’altro parere il sondaggio condotto dall’altra big del rating, Fitch. Secondo quanto emerge dall’European Senior Fixed-Income Investor Survey Q312, l’80% dei grandi investitori in reddito fisso l’Europa si trova di fronte a un rischio molto alto di una nuova recessione. Per l’82% degli intervistati, inoltre, le banche europee avrebbero bisogno di una nuova operazione di rifinanziamento triennale (Ltro) da parte della Bce entro i prossimi due anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dws: crisi Covid-19, opportunità nei Reit e nelle infrastrutture

Azioni, ecco gli “insoliti sospetti” che usciranno vincitori dalla crisi

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

NEWSLETTER
Iscriviti
X