Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 7 Giugno 2017 | 12:22

OCSE LIMA PREVISIONI CRESCITA ITALIA – L’Ocse riduce le previsioni di crescita dell’economia italiana per l’anno venturo e suggerisce di reintrodurre una imposta patrimoniale sugli immobili, in sintonia con le indicazioni già giunte all’Italia anche dalla Commissione Ue. Il rischio di una “stangata d’autunno” è dunque più concreto? Di certo c’è che nelle stime di crescita dell’Economic Outlook appena rilasciate dall’Ocse si conferma un Pil in crescita dell’1% quest’anno, ma si taglia da +1% a +0,8% la previsione per l’anno venturo.

CAMPANELLO D’ALLARME PER IL BEL PAESE – Un campanello d’allarme pericoloso visto che per l’intera Eurozona l’Ocse ha alzato la stima di crescita a +1,8% sia per quest’anno sia per il 2018 (contro una previsione precedente pari a  +1,6% in entrambi gli anni). Per il momento il governo non ribatte: nel Documento di Economia e finanza varato lo scorso aprile il Pil italiano era stimato in crescita dell’1,1% nel 2017 e dell’1,0% nel 2018, ma la recente revisione al rialzo del Pil congiunturale del primo trimestre da +0,2% a +0,4% (legato al calo del deflatore del Pil, ndr) metterebbe a rischio, secondo gli economisti, il rialzo per le stime 2017.

IN AUTUNNO ARRIVERA’ UNA STANGATA? – Sullo sfondo resta il rischio, concreto, che dal primo gennaio del prossimo anno scattino le clausole di salvaguardia che porterebbero ad un aumento dell’Iva dal 10% al 13% per i beni di largo consumo e dal 22% al 25% per gli altri beni, per recuperare circa 19,6 miliardi. Per disinnescarlo servirebbe o una crescita economica decisamente superiore alle stime o una manovra correttiva almeno di pari importo tra nuove tasse e tagli alla spesa da inserire nella prossima legge finanziaria. Un’eventualità, quest’ultima, su cui pesa ovviamente l’incertezza legata alle possibili elezioni anticipate in autunno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X