Unicredit e Intesa Sanpaolo prudenti dopo nuove voci su salvataggio banche venete

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi8 giugno 2017 | 10:48

TITOLI SOTTONO IN BORSA – Unicredit (invariato sui 15,53 euro per azione) e Intesa Sanpaolo (-0,94% a 2,52 euro) reagiscono con molta prudenza a Piazza Affari alle voci di un pressing del governo perché diano il loro assenso al salvataggio di Bpvi e Veneto Banca, dopo che proprio le due maggiori banche italiane si erano sfilate dalle operazioni di ricapitalizzazione facendo poi intervenire Quaestio Management Sgr, col fondo Atlante (di cui peraltro gli stessi due istituti sono stati i maggiori sottoscrittori) per 3,5 miliardi di euro complessivi. L’ipotesi è tornata a circolare ieri dopo la soluzione lampo adottata per la crisi di Banco Popular Espanol, rilevato per un euro dal Banco Santander dopo una risoluzione ai sensi della direttiva BRRD, ossia evitando, come notano gli analisti di Fidentis, un “bail out” e quindi senza alcun intervento di fondi pubblici.

IPOTESI NUOVO INTERVENTO FITD  – Nel caso italiano, tuttavia, si starebbe ancora cercando di evitare la risoluzione e la successiva cessione dei due istituti ai due maggiori gruppi italiani, non esistendo la forte ratio industriale emersa nell’operazione Banco Popular-Banco Santander, come notano sempre gli analisti di Fidentis, ma cercando semmai di ripetere lo schema di un rifinanziamento “volontario” del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) che coinvolgerebbe oltre a Unicredit (che originariamente avrebbe dovuto garantire l’aumento di Bpvi) e Intesa Sanpaolo (inizialmente capofila del consorzio per l’aumento di Veneto Banca) anche altri istituti “sani” come già avvenuto nel caso delle quattro banche risolte a fine 2015, ovvero Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti, poi cedute a Ubi Banca, e CariFe, per la quale si attende a breve l’intervento di Banca Bper.

GLI OSTACOLI INCONTRATI FINORA CADRANNO? – Contro questa ipotesi hanno finora giocato non solo le ripetute dichiarazioni contrarie ad ulteriori interventi da parte dei vertici delle maggiori banche italiane, a partire proprio da Intesa Sanpaolo, ma anche il diniego da parte delle autorità europee ad un eventuale “sconto” sulla cifra di capitali privati da far intervenire prima di un eventuale via libera alla ricapitalizzazione precauzionale da 6,4 miliardi di euro complessivi (cifra che anzi lievitata da 1 a 1,2-1,3 miliardi di euro) e l’incertezza circa i tempi e l’ammontare che si potrebbe ricavare dalla cessione di alcune partecipazioni come il 20% che sia Bpvi sia Veneto Banca possiedono in Arca Sgr. Tuttavia se si vuole evitare la risoluzione ai sensi della direttiva BRRD delle due ex popolari venete o la cessione a prezzi di saldo degli asset degli stessi a soggetti italiani o stranieri, non si vedono molte altre alternative ad un nuovo intervento delle maggiori banche tricolori.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Ti può anche interessare

Azimut? “Non è in vendita”

Albarelli: “siamo indipendenti e lo resteremo, cresceremo all’estero. Mifid 2? Non è un problem ...

Consob, Bertezzolo prende servizio

Il nuovo segretario generale è operativo ...

Anche eToro introduce un wallet per le criptovalute

Yoni Assia, co-fondatore e CEO di eToro: "Crediamo che in futuro tutti gli asset saranno digitalizza ...