Pimco: il populismo non riesce a mutare i fattori che ne hanno decretato il succeso

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi9 giugno 2017 | 15:50

POPULISMO STA FALLENDO I SUOI OBIETTIVI – Il populismo, paradossalmente, non riesce a modificare i fattori che hanno contribuito al suo successo. Lo sottolinea Tony Crescenzi, portfolio manager e market strategist di Pimco (Pacific investment management company, società del gruppo Allianz e primo gestore al mondo di fondi obbligazionari) in un post sul blog aziendale in cui nota i tre fattori alla base di questo paradosso.

TRE MOTIVI DI UN PARADOSSO – Anzitutto i cittadini dei paesi sviluppati stanno chiedendo un maggior attivismo dei governi, ma scelgono candidati politici indipendenti privi di esperienza politica la cui capacità di governare è ingabbiata dall’establishment  politico e dai sistemi di bilanciamento istituzionali. Poi gli elettori vogliono contemporaneamente una più alta percentuale di ciò che consumano prodotta nel proprio paese ed esportare una maggiore quantità di quanto producono all’estero. Ma selezionando candidati che sono concentrati su questioni interne mettono seriamente a rischio la capacità di raggiungere tale obiettivo.

LEADER SENZA MEZZI E PERCORSI CHIARI – Infine le nazioni stanno riconoscendo di non essere state attente ai fattori di sviluppo a lungo termine come le infrastrutture e l’educazione. Eppure i populisti supportano candidati che, temendo un contraccolpo elettorale, sono timorosi dal togliere risorse nazionali ai programmi sociali per finanziare tali investimenti. In parte ciò avviene anche per la crescente “gerontocrazia” (la tendenza da parte di una maggioranza crescente di elettori attuali a rimuovere quei politici che mettono a rischio i loro programmi di sociali. In sostanza, conclude Crescenzi, spesso i leader populisti votati dagli elettori per raggiungere una molteplicità di fini (come una maggiore crescita del reddito o una più forte identità nazionale) mancano sia dei mezzi sia di un chiaro percorso per raggiungere tali finalità.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Schroders mette i mercati emergenti sotto i riflettori

Mirabaud AM: inflazione nell’Eurozona resterà sotto controllo

Draghi (Bce): nessuna novità per tassi e QE, crescita si rafforza senza inflazione

Ti può anche interessare

Directa: nel 2017 intermediati 26,3 miliardi di euro in Italia

Il numero degli eseguiti sull'MTA è diminuito del 13% a 1,82 milioni da confrontare con un - 8,5% d ...

David (Candriam): “Come investire sui mega-trend”

Di seguito un intervento di Matthieu David (nella foto), head of italian branch di Candriam Investor ...

I Buy di oggi da Cembre a StMicroelectronics

Ecco le scelte degli analisti sui titoli da comprare. ...