Banco Bpm: gli Npl di Project Rainbow vanno ad Algebris

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi14 giugno 2017 | 08:26

PROJECT RAINBOW, VINCE ALGEBRIS – Come anticipato da indiscrezioni di stampa già la scorsa settimana, Algebris (col fondo Algebris Npl Fund II) si aggiudica il portafoglio di crediti deteriorati (Npl) legato ad asset immobiliari “Project Rainbow” messo in vendita da Banco Bpm.  Il valore lordo di libro è di 693 milioni di euro, dunque inferiore rispetto ai 750 di cui si era parlato inizialmente.

CEDUTI MENO NPL DEL PREVISTO – I crediti in sofferenza ceduti sono assistiti da garanzie ipotecarie su immobili a uso alberghiero, residenziale e commerciale. L’operazione verrà perfezionata, tramite un veicolo di cartolarizzazione italiano, entro il prossimo 30 giugno, previa sottoscrizione di un contratto di cessione. Il prezzo di cessione non è stato reso noto; negli ultimi giorni si erano ipotizzate offerte tra i 250 e i 300 milioni di euro (che a fronte di un valore presunto di 750 milioni avrebbero rappresentato tra il 33% e il 40% del valore lordo di libro).

BANCO BPM SALE A 2,5 MILIARDI DI NPL CEDUTI – Col perfezionamento della cessione, gli Npl ceduti da Banco Bpm dal 2016 saliranno a circa 2,5 miliardi (2,7 miliardi tenuto conto delle cessioni “single name” ormai prossime alla chiusura), a fronte di un programma di riduzione del rischio su credito incluso nel piano strategico 2016-2019 che prevede la cessione di 8 miliardi di Npl entro fine piano. Algebris Npl Fund II è un fondo di diritto lussemburghese lanciato lo scorso anno da Algebris con l’intenzione di raccogliere 1,25 miliardi di euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un fondo per gestire le sterzate del mercato

Algebris, un successo dalle tinte rosa

Creval, l’aumento di capitale fa (quasi) il pieno

Ti può anche interessare

Truffe, Western Union propone un fondo risarcimento

Interessante iniziativa della società a tutela dei soggetti truffati ...

Tutta la consulenza di ITForum 2018

Gli appuntamenti di Rimini in agenda dedicati all'advisory ...

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

I MERCATI NON CREDONO ALLA GUERRA – Incrociando le dita e nonostante i titoli di giornale, i m ...