State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi15 giugno 2017 | 09:31

FED, TUTTO COME PREVISTO – Nessuna sorpresa ieri al termine del Fomc, con la Federal Reserve che ha alzato come previsto di un quarto di punto il costo del denaro negli Usa, anche se nel successivo commento il tono, apparso “neutro”, sembra suggerire che fino a dicembre potrebbero non esserci ulteriori rialzi. Commentando al notizia Lee Ferridge, responsabile multi-asset strategy per il Nord America di State Street Global Markets, ha segnalato come il rallentamento evidenziato dai dati sul mercato domestico e la riduzione delle attese su un allentamento della politica fiscale nel 2017 sembrino aver “iniziato a influenzare la posizione della Fed. Sebbene i dot della Fed indichino un altro rialzo nel corso di quest’anno, probabilmente bisognerà aspettare fino dicembre”.

POSSIBILE CALO DOLLARO, BENE T-BOND E BORSA – Pertanto il gestore si aspetta “un calo dei rendimenti dei treasury statunitensi e del dollaro a seguito della notizia, anche se l’azionario statunitense molto probabilmente sarà supportato dalla posizione più morbida”. Da parte sua Antoine Lesné, responsabile Emea Etf strategy di Spdr Etfs (State Street Global Advisors), ha fatto notare come “essendo questo il secondo aumento dei tre o quattro previsti per il 2017, ci aspettiamo una pausa nei mesi estivi prima di un nuovo incremento”. Il rallentamento dei dati relativi al mercato domestico e gli ulteriori ritardi dell’atteso allentamento della politica fiscale hanno contribuito alla decisione.

ANCHE GLI EMERGENTI POTREBBERO TRARNE VANTAGGIO – “Allo stesso tempo, la Banca centrale europea (Bce) che resta molto accomodante e la politica del Regno Unito che, in un certo senso, sta nuovamente alimentando la volatilità, potrebbero portare la Fed a prendersi una pausa. Probabilmente per avere più chiarezza dovremmo aspettare la riduzione del bilancio della Fed entro settembre e un nuovo aumento dei tassi a dicembre, rispettando così la tradizione dopo quello a cui abbiamo assistito già nel 2015 e nel 2016”. Lesné ritiene che il dollaro “potrebbe restare nei range attuali, offrendo un momento di tregua nella fase di politica monetaria restrittiva. Questo potrebbe essere di supporto all’azionario statunitense, che recentemente ha registrato performance inferiori rispetto all’azionario europeo. Molto probabilmente questo potrebbe essere un fattore positivo anche per gli asset in valuta locale dei mercati emergenti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, il miraggio del 3%

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Bond, Europa sottozero

Bond, c’era una volta l’high yield

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Mps, boom del bond

A Piazza Affari è bond mania

Bond, per Jp Morgan saranno tempi duri

Mercati, i bond sprofondano a tassi negativi

Carige, proroga per la garanzia pubblica

Italia, è scorpacciata di bond

Mps torna sul mercato, bond da 750 mln

Italia, la grande gelata dei bond bancari

Generali cerca un accordo in Asia

Carige, in arrivo bond miliardario

Credem fa il pieno di cover bond

Debito sovrano e corporate: allarme bolla

Credit Suisse, i bond sulle ali del Dragone

Due nuovi bond da Collezione

Se il credito deteriorato si trasforma in bond

Credit Suisse, rendimento sulla rotta di Marco Polo

Credit Suisse, la bussola dei bond

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Obbligazioni, Iccrea Banca propone un nuovo bond senior

Ccteu e Btp sono i protagonisti della nuova infornata del Mef

Banca Imi, tris di bond in dollari e rubli

UniCredit, successo per i nuovi bond cuscinetto

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Iccrea banca, emesso bond da 600 milioni

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Fideuram Ispb colloca un bond di Intesa Sanpaolo

Ti può anche interessare

Dazi, Wall Street festeggia la tregua

Pronti a stappare lo champagne in quel di Wall Street. Ieri l’annuncio del governo Usa di aver ...

Fed: Powell non soddisfa Wall Street

La Fed taglia i tassi di interesse per la prima volta dalla crisi del 2008. Il presidente, Jerome Po ...

Gestori in vetrina – Legg Mason

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Matteo Len ...