Moody’s lima i rating delle banche australiane

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi19 giugno 2017 | 12:53

RATING TAGLIATO A 4 BANCHE AUSTRALIANE – Se amate investire in immobili, forse non è il periodo migliore per pensare al mercato australiano. Stamane infatti Moody’s Investors Service ha tagliato il rating a lungo termine delle quattro maggiori banche australiane (Australia & New Zealand Banking Group, Commonwealth Bank of Australia, National Australia Bank e Westpac Banking Corporation) da “Aa2” a “Aa3”, con outlook “stabile” per tutti i quattro istituti.

CRESCONO I RISCHI PER IL MERCATO IMMOBILIARE – La causa di questa riduzione di rating sono proprio i “rischi associati al mercato immobiliare” che secondo gli esperti di Moody’s sono “saliti sensibilmente negli ultimi anni” e sebbene una crisi immobiliare non sia lo scenario più probabile “il rischio rappresentato da un accresciuto indebitamento del settore immobiliare è diventato una preoccupazione concreta in un contesto di rating molto elevati assegnati alle banche australiane”.

L’INDEBITAMENTO PESA TROPPO – I mutui residenziali pesano per oltre il 60% dei prestiti erogati. Recentemente, sotto la pressione delle autorità, le banche hanno autonomamente irrigidito i criteri per l’erogazione di nuovi prestiti, ma la combinazione di prezzi immobiliari in crescita e crescita delle paghe stagnante hanno aumentato il tasso di indebitamento delle famiglie australiane proprietarie di immobili all’89% del reddito disponibile, uno dei livelli più elevati al mondo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Ai fondi sovrani piacciono le quotate

Secondo il primo rapporto annuale dell'International Forum of Sovereign Wealth Funds prodotto in col ...

Criptovalute, anche la Svizzera alza le antenne

La Finma pubblica una guida pratica sulle ICO ...

Investimenti, che cedole tra dollari e rubli

Banca Imi punta ancora sulle quotazioni di bond denominati in valuta estera ...