Tra crisi e incertezze politiche la Fed resta la stella polare

A
A
A

Alcuni sostengono che dati ancora contrastanti e non ancora netti, abbiano creato timori in chi governa la Fed e che il futuro dell’ economia statunitense sia ancora incerto.

di Redazione30 settembre 2013 | 07:00

MAGGIORE PRUDENZA – Inutile cercare altri segnali, solo la Federal Reserve con le sue indicazioni, e con le sue mosse è la vera stella polare che segna la strada. Certo, va anche bene interpretata. Sembrava che il discorso di Bernanke del 22 maggio segnasse l’inizio della svolta, sulla liquidità e sui tassi.Troppo facile o troppo anticipato, oppure qualcosa è cambiato e ha creato maggiore prudenza. La maggior parte degli operatori oramai era pronta al nuovo corso (minor liquidità e tassi in salita) seppur graduale. Ed invece sebbene il terreno fosse stato adeguatamente preparato ed arato da Bernanke, non si è seminato.

LE ANTICIPAZIONI DI BEN – Perche? Alcuni sostengono che dati ancora contrastanti e non ancora netti, abbiano creato timori in chi governa la Fed e che il futuro dell’ economia statunitense sia ancora incerto. Più probabilmente le anticipazioni di Bernanke erano volutamente molto anticipatorie, più portate a far percepire un lungo, lento cambiamento di strategia che non ad indicare un presente già diverso. Un alzare la soglia di attenzione, insomma. Non credo che lo stop sia dovuto a nuove preoccupazioni o a rallentamenti, credo piuttosto che non ci sia stato uno stop, e che comunque il solo parlarne abbia dato un risultato così immediato da essere sufficiente. 

ALLA GUIDA DELLA FED
– Inoltre siamo alla vigilia di un cambio di guida della Fed che forse sarà più “traumatico” del previsto. La candidatura Summers è caduta, ma la scelta è ancora lontana e quindi imprevedibile nei riflessi. Resta  la mera analisi dei dati economici, e creeranno volatilità se non coerenti. Abbastanza neutro appare al momento l’andamento dell’ analisi politica. Scesa la tensione sulla situazione in Medio Oriente, scontati e confermati i dati elettorali in Germania, non resta che l’ Italia con  le proprie dinamiche politiche a creare volatilità e tensione. Ma la  stella polare resta la Fed, ed è bella nitida in cielo ad indicare la rotta. 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

eToro si rafforza con Lord Fink

La nuova nomina in eToro fa seguito al crescente interesse per gli asset crypto da parte degli inves ...

Widiba, a Valletta la squadra lucana

Nelle prossime settimane Valletta avvierà una serie di incontri di selezione per nuovi consulenti f ...

Fondi obbligazionari, tre lustri di delusioni

Costi esagerati rapportati ai rendimenti. Uno studio di Morningstar, condotto su 25 categorie del r ...