La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi4 luglio 2017 | 11:02

IN TANTI GUARDANO A FRANCOFORTE – Sarà anche “un po’ grigia, un po’ noiosa”, ma in fondo sono così anche la maggior parte dei banchieri. Così Francoforte sta diventando ogni giorno di più l’alternativa a Londra post-Brexit. Questo almeno secondo l’agenzia Bloomberg, che segnala come grandi nomi della finanza mondiale da Standard Chartered a Nomura Holdings, da Sumitomo Mitsui Financial Group a Daiwa Securities Group abbiano già deciso di ridurre la loro presenza nella capitale britannica, mentre altri come Citigroup, Goldman Sachs Group e Morgan Stanley stiano valutando una mossa analoga.

MA LA BREXIT SPOSTERA’ POCHI BANCHIERI – Ciò detto, non sembra che si assisterà ad un crollo della presenza di banche e banchieri a Londra: alla fine solo poche migliaia di addetti potrebbero essere realmente trasferiti da Londra a Francoforte (le stime attualmente parlano di circa 5 mila persone in tutto). Uno spostamento quasi impercettibile nella classifica dei maggiori centri finanziari mondiali (il Global Financial Centres Index), nella quale Francoforte è attualmente solo 23esima, dietro a Shenzen e poco sopra Seul, mentre Londra continua a restare saldamente in testa, davanti a New York.

FRANCOFORTE RESTA TROPPO PICCOLA E POCO SVILIPPATA – Il problema è che Francoforte è storicamente stata sempre e solo la base di due grandi banche d’investimento (Deutsche Bank e Commerzbank), entrambe un po’ acciaccate negli ultimi anni, ma non ha mai sviluppato un ricco tessuto di attività in aree come l’assicurazione, la riassicurazione, l’asset management, i servizi legali, il trading e così via. Tutte aree dove Londra eccelle da secoli e che continueranno a fare la differenza anche dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. L’unico vero asso nella manica di Francoforte sembra essere il fatto che è la sede della Bce e delle autorità che regolamentano il mercato finanziario europeo. Visto però le differenze su base dimensionale (Londra è una città grande dieci volte Francoforte), probabilmente più che un esodo di banchieri nei prossimi anni si verificheranno assunzioni mirate per rafforzare gli staff nella città tedesca, senza particolare impatto sulla City.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, l’Italia è un modello virtuoso

BlackRock-Carige, niente nuovi esuberi

Fineco si gode private banking e indipendenza

Banche, la politica ammazza l’utile

Dossier reclutamento – Widiba

Dossier reclutamento – IWBank PI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Ti può anche interessare

Italia, gli investitori non si fidano

L’Italia è uno dei paesi con meno appeal in Europa per gli investitori stranieri. Secondo la ri ...

La Commissione Ue chiede la patrimoniale all’Italia

Bruxelles vorrebbe il ritorno della tassa sulla prima casa per i redditi più alti ...

Monete, il ruggito del dollaro fa crollare l’euro

Le prospettive rialziste della valuta americana ...