Bpm non interessa a Banco Popolare

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Novembre 2013 | 12:49
Salito ieri del 2,5%, stamane il titolo Bpm torna a perdere terreno dopo che il numero uno di Banco Popolare, Pier Francesco Saviotti, ha nuovamente smentito ogni interesse a operazioni di fusione o acquisizione

BPM IN ALTALENA TRA VOCI E SMENTITE – Salito lunedì del 2,5%, il titolo Bpm torna stamane a perdere quota a Piazza Affari, dove cede l’1,67% ridiscendendo poco sopra i 44,2 centesimi di euro per azione dopo che l’amministratore delegato di Banco Popolare, Pier Francesco Saviotti, ha smentito ogni ipotesi di acquisizioni o fusioni, gelando le attese per un consolidamento tra banche popolari che sarebbe potuto partire proprio dai due istituti. Un riassetto che molti analisti giudicano possibile, ma solo dopo che saranno noti gli esiti del processo di asset quality review che la Bce sta avviando in queste settimane e che si concluderà nell’arco dei prossimi 12 mesi. Fino ad allora, ragiona un operatore, la volatilità sui titoli sembra destinata a rimanere elevata sia per le incertezze in tema di governance sia per le possibili azioni di rafforzamento del patrimonio che si renderanno necessarie prima di procedere a qualsiasi ipotesi di aggregazione. (l.s.)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X