Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi7 luglio 2017 | 12:57

UNICREDIT PARTE BENE POI FRENA – Nuovo massimo degli ultimi 15 mesi a 17,54 euro per Unicredit stamane in avvio di giornata, prima che lo scattare di prese di profitto anche in vista del fine settimana facesse ridiscendere le quotazioni sui 17,35 euro (-0,86%) a cui oscilla a metà giornata, quando sono passati di mano poco più di 6,5 milioni di titoli. Da inizio anno il titolo ha recuperato un 25% abbondante, con una capitalizzazione che è tornata a sfiorare i 39 miliardi di euro.

SCHAEUBLE APPREZZA SVILUPPI BANCHE ITALIANE – A sostenere l’intero settore bancario italiano, al di là delle prese di profitto giornaliere, sono anche le parole del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, che parlando a un evento in vista del summit del G20 ha dichiarato come “gli ultimi sviluppi delle banche italiane stanno andando nella giusta direzione”.

TASSI IN RIALZO FANNO BENE A REDDITIVITA’ – Ulteriore motivazione per la buona performance del comparto, che ieri ha toccato i massimi da inizio anno (indice Ftse Banche Italia a 11.723 punti) è anche il graduale ma continuo incremento dei tassi sul mercato, col rendimento del Bund decennale sullo 0,58%, il massimo degli ultimi 18 mesi, e quello sul Btp sul 2,29%. Tassi in rialzo significa un maggior margine d’interesse per le banche e dunque una migliore redditività, anche se potrebbe tradursi in perdite più o meno sui portafogli di proprietà investiti in bond, a seconda della duration dei portafogli stessi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram, 50 anni e non sentirli

Il Giubileo straordinario di Fideuram visto dal veterano

Manovra, la pressione fiscale non scende

Salasso da 4 mld su banche e polizze

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Banche, si avvicina il novembre nero

Intrigo di ordini di bonifici, sospesa consulente

Banca Generali e Candy Crush per le ricette di innovazione

Fideuram: 50 anni da numero 1

Ecco come lo spread strozza le banche (e i risparmi)

Generali lungo il canale

Banche italiane a caccia di soldi

Governo a muso duro con le banche

Ubi Banca cambia volto

Il “buy” del consulente – 01/10/18, da Alkemy a Cnh Industrial

Doris: la consulenza va pagata

Le banche possono affondare il populismo

C’è Tavano per il banking italiano di Hsbc

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

Ti può anche interessare

6 buoni motivi per investire con DEGIRO

Ecco perché aprire un conto con DEGIRO è la scelta giusta ...

Consulenti, un webinar sulle ali dell’indipendenza

I Cf Webinars sbarcano al Fee Only Summit di Verona ...

Mercati, la Turchia non è il vero spauracchio

Dalla Turchia contagio limitato, ma sugli emergenti pesano altre preoccupazioni… ...