Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi7 luglio 2017 | 13:36

GOLDMAN SACHS FA PRESTITI AGLI ISTITUZIONALIGoldman Sachs sta concentrandosi sempre di più sulla sfida per diventare il leader indiscusso del settore dei grandi prestiti a clienti istituzionali negli Usa, grazie anche all’utilizzo di fondi mezzanini che investono in società per le quali la banca d’affari sottoscrive prestiti a leva. Lo segnala l’agenzia Bloomberg notando come la famiglia GS Mezzanine Partners sia la “più ampia famiglia di fondi mezzanini al mondo, con oltre 30 miliardi di dollari di capitale investito a leva dal 1996% secondo Goldman Sachs.

L’IMPORTANZA DEI FONDI MEZZANINI – L’uso dei fondi mezzanini da parte di Goldman Sachs serve per convogliare capitale privato in cerca di rendimenti elevati verso Leveraged buyout (Lbo) e Management buyout (Mbo) di medie e grandi dimensioni, ricapitalizzazioni, rifinanziamenti, acquisizioni e operazioni di ristrutturazione del debito.La mossa sembra aver già dato i suoi frutti visto che la banca ha incrementato del 2,2% la propria quota di mercato ed è ora balzata in testa alla classifica dei maggiori intermediari con una quota dell’8,53% di tutti i prestiti alla clientela istituzionale, un mercato che solo negli Usa vale circa 590 miliardi di dollari in volume.

CINQUE POSIZIONI SCALATE IN UN ANNO – Lo scorso anno Goldman Sachs era solo sesta, con Credit Suisse e Bank of America Merrill Lynch ai primi due posti. Per Bank of America Merrill Lynch, quest anno quinta in classifica, si tratta di un progressive arretramento visto che la banca era risultata prima (con Jp Morgan seconda) nel 2015 e nel 2014 (con Credit Suisse seconda), dopo essere risultata seconda sia nel 2013 (quando Jp Morgan era risultata prima) sia nel 2012 (superata sempre da Jp Morgan).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Widiba, contaminazione salentina

Consulenti, il fascino discreto della filiale

Banche, primi passi verso Basilea 3

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Banche, 9 miliardi di utili ma meno dipendenti

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Mediolanum, Doris promette un utile 2019 da record

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Banche, l’Inventive Banking sarà fondamentale

IWBank, settebello nel reclutamento

Doris ha un tesoro di 100 milioni

Credem, destinazione innovazione

Widiba dalla parte delle start up

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

Banche europee, l’ondata dei tagli

Fineco, reclutamento doc

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Pir, la sfuriata di Doris

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

Banche, la cooperazione vista dall’Asia

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina – Raiffeisen Capital Management

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Donato Giannico, countr ...

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Dopo una telenovela durata diversi mesi, alla fine i ventisette Paesi dell’Unione europea hanno da ...

UE, il debito italiano rimandato in autunno

Come riporta Milano Finanza, ci sarà più tempo per la procedura di deficit eccessivo per il mancat ...