Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi7 luglio 2017 | 13:36

GOLDMAN SACHS FA PRESTITI AGLI ISTITUZIONALIGoldman Sachs sta concentrandosi sempre di più sulla sfida per diventare il leader indiscusso del settore dei grandi prestiti a clienti istituzionali negli Usa, grazie anche all’utilizzo di fondi mezzanini che investono in società per le quali la banca d’affari sottoscrive prestiti a leva. Lo segnala l’agenzia Bloomberg notando come la famiglia GS Mezzanine Partners sia la “più ampia famiglia di fondi mezzanini al mondo, con oltre 30 miliardi di dollari di capitale investito a leva dal 1996% secondo Goldman Sachs.

L’IMPORTANZA DEI FONDI MEZZANINI – L’uso dei fondi mezzanini da parte di Goldman Sachs serve per convogliare capitale privato in cerca di rendimenti elevati verso Leveraged buyout (Lbo) e Management buyout (Mbo) di medie e grandi dimensioni, ricapitalizzazioni, rifinanziamenti, acquisizioni e operazioni di ristrutturazione del debito.La mossa sembra aver già dato i suoi frutti visto che la banca ha incrementato del 2,2% la propria quota di mercato ed è ora balzata in testa alla classifica dei maggiori intermediari con una quota dell’8,53% di tutti i prestiti alla clientela istituzionale, un mercato che solo negli Usa vale circa 590 miliardi di dollari in volume.

CINQUE POSIZIONI SCALATE IN UN ANNO – Lo scorso anno Goldman Sachs era solo sesta, con Credit Suisse e Bank of America Merrill Lynch ai primi due posti. Per Bank of America Merrill Lynch, quest anno quinta in classifica, si tratta di un progressive arretramento visto che la banca era risultata prima (con Jp Morgan seconda) nel 2015 e nel 2014 (con Credit Suisse seconda), dopo essere risultata seconda sia nel 2013 (quando Jp Morgan era risultata prima) sia nel 2012 (superata sempre da Jp Morgan).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Pressioni commerciali, il vero pericolo è nelle reti

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Bluerating Awards: il videomessaggio di Foti ai consulenti

Fideuram ISPB, Longo guiderà l’hub svizzero

Private Banking Awards, ecco i premiati

Private banking, la grande onda è in arrivo

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Manovra, le banche rimbalzano in borsa

Mediolanum, Doris passa il testimone ai figli

MCU, un nuovo viaggio attraverso la luce

Grossi per l’innovazione digitale di Credem

Esuberi e pressioni commerciali in banca, i sindacati in allarme

Spread, Abi lancia l’allarme

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Widiba, la tutela patrimoniale è on the road

Il “terzo incomodo” concorre alla radiazione di un ex Mediolanum

Fideuram, l’utile è in calo

Etf: le banche europee esposte per 140 miliardi

Frode fiscale: indagati 18 manager di Privat Kredit Bank

Ti può anche interessare

Il “buy” del consulente – 15/10/18, da Eni a Piaggio

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...

Consob, un divieto tira l’altro

Tre nuovi nomi sotto il faro della vigilanza ...

Secondo miglior utile della storia per Azimut

Il risultato netto consolidato normalizzato è stato pari a 220 milioni di euro (+27% sul 2016), men ...