Per Wall Steet è il peggior gennaio dal 2010

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 31 Gennaio 2014 | 22:22
Le trimestrali di Amazon e Mattel, insieme ai timori persistenti per i mercati emergenti, fanno prendere ulteriore profitto agli investitori che parcheggiano la liquidità sui T-bond

DELUDONO I CONTI DI AMAZON E MATTEL  – Finale di settimana in rosso per Wall Street, che termina il peggior gennaio dal 2010 a causa di trimestrali poco convincenti come quelle di Amazon e Mattel non meno che per le tensioni che continuano a circondare i mercati emergenti, alle prese con una tempesta valutaria che il “tapering” della Federal Reserve sembra aver amplificato. Al fine giornata il Dow Jones cede lo 0,94%, l’S&P500 segna -0,65%, il Nasdaq chiude a -0,47% e le small cap del Russell 2000 finiscono a -0,74%.

MICROSOFT IN LUCE, BENE I T-BOND – Tra le blue chip americane perdono ampiamente quota anche Chevron e Visa, mentre si mette in luce Microsoft. La liquidità in uscita dall’azionario continua ad affluire sui T-bond, che così vedono il rendimento sul decennale calare sul 2,65% e quello del trentennale sul 3,60%. L’oro arresta la caduta sui 1.244,3 dollari l’oncia (1,4 dollari più di ieri), l’argento viene fissato a 19,16 dollari (1 centesimo sotto i livelli della vigilia), mentre il petrolio scivola sui 97,44 dollari al barile (49 centesimi meno del precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Grecia, la crisi potrebbe non essere finita

Grecia in rivolta contro Ue e Fmi ma nessuno ne parla più

Ora Tsipras dovrà varare le riforme promesse alla “troika”

NEWSLETTER
Iscriviti
X