Wall Street in ripresa, vola Disney

A
A
A
di Luca Spoldi 6 Febbraio 2014 | 21:22
Neppure dati macro deludenti hanno impedito agli indici di Wall Street di rimbalzare, grazie anche allo scattare di ricoperture da parte di chi scommetteva al ribasso fino a ieri

WALT DISNEY IN FUGA DOPO I CONTI – Già ieri sera c’era aria di “short squeeze”  (improvviso rialzo dei prezzi amplificato dalle ricoperture da parte di scopertisti che tentano di evitare perdite, ndr) a Wall Street e stasera puntualmente gli indici rimbalzano con decisione. A fine seduta il Dow Jones recupera l’1,22%, l’S&P500 che guadagna l’1,16%, il Nasdaq in rialzo dell’1,10% e le small cap del Russell 2000 che terminano in rialzo dello 0,90% dopo un’apertura in calo. La seduta si chiude così col miglior risultati per gli indici da inizio anno nonostante ulteriori dati meno forti delle attese sul fronte dell’occupazione e della fiducia dei consumatori.

LIQUIDITA’ IN USCITA DAI BOND – Tra le blue chip la trimestrale sopra le aspettative del mercato e il nuovo rialzo del dividendo fanno volare Walt Disney (+5,3% a fine giornata), seguita da Cisco, American Express, Jp Morgan Chase, Caterpillar e Intel, tutte in rialzo di oltre 2 punti, mentre solo At&t e Wal-Mart chiudono in lieve calo. Un effetto collaterale della rapida chiusura di posizioni scoperte è che la liquidità cessa di affluire sui bond, che così vedono il rendimento sul decennale risalire sul 2,70% e quello del trentennale sul 3,67%. In compenso l’oro resta a 1.257,7 dollari l’oncia (appena 10 centesimi sopra i livelli di ieri), l’argento viene fissato a 19,92 dollari (9 centesimi di guadagno), mentre il petrolio risale sui 97,82 dollari al barile (0,55 dollari in più del precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X