Ipb sim, ancora perdite

A
A
A
di Andrea Giacobino 17 Febbraio 2014 | 07:00
La rete romana di pf e private perde quasi 700.000 euro. E paga i costi dei matrimoni mancati: Scm sim e Genesi sim.

IPB SIM – Anche i matrimoni mancati possono costare caro. Ne sa qualcosa Independent Private Bankers sim, la società romana di private banker e promotori finanziari alla cui presidenza si è da poco insediato Sergio Boido, presidente di Efpa Italia (vedi notizia). Nei giorni scorsi, infatti, davanti al notaio Marco Calissoni si è svolta un’assemblea straordinaria della società convocata perché le perdite hanno ridotto il capitale di oltre un terzo.

UN ROSSO DI 695.633 EURO – Nel dettaglio Boido ha presentato all’unico azionista Valore Italia Holding di Partecipazioni (Vihp) una situazione patrimoniale aggiornata alla fine dello scorso settembre da cui è emerso un rosso di 695.633 euro che quindi incide sul capitale di 1,6 milioni alla luce dell’articolo 2446 del codice civile. Il passivo è stato ripianato prima attingendo alle riserve per 54.738 euro e poi aumentando lo stesso capitale, sceso a 992.949 euro, fino a 1,6 milioni mediante conferimento in denaro per i restanti 607.051 euro.

DUE DEAL MANCATI – A cosa si devono le perdite? Ipb sim paga i costi di due “deal” mancati: prima la ipotizzata integrazione con Solution Capital Management sim guidata da Antonello Sanna e poi una possibile fusione con Genesi sim, recentemente posta in liquidazione. La controllante Vihp, quotata all’Aim e nel cui capitale è recentemente entrato il finanziere Raffaele Mincione, è comunque disposta a continuare a supportare il business di Ipb sim. Tanto da aver appena varato un aumento di capitale da 1,7 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X