A Barclays non dispiacciono le novità della Fed

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Febbraio 2014 | 15:05
Barclays Bank in luce sul Blueindex, dopo che la Fed ha ridotto il numero di istituti esteri che dovranno sottostare ai nuovi requisiti di capitale, dando più tempo per adeguarsi

BARCLAYS TORNA A SALIRE – E’ Barclays Bank, con un guadagno del 2,05%, a registrare la migliore performance tra le componenti del Blueindex riferita alla giornata del 18 febbraio, mentre tra i titoli italiani tocca a Intesa Sanpaolo, che con un +1,28% si piazza al quarto posto assoluto, tentare di restare in testa al gruppo, con Mps (-1,80%) che evita di un soffio la peggiore performance toccata a Raiffeisen International (-2,11%) per lo scattare di diffuse prese di profitto dopo diverse sedute al rialzo.

DALLA FED BUONE NOTIZIE – Tra i motivi che sembrano aver contribuito all’allungo di Barclays vi è la notizia che la Federal Reserve statunitense ieri ha diffuse la versione finale delle nuove e più strette regole sui requisiti di capital delle banche straniere operanti negli Usa (tra cui la stessa Barclays), dando loro un anno in più del previsto e riducendo il numero di istituti che saranno soggetti a tali vincoli rispetto a quanto ipotizzato nella precedente bozza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X