I dati macro rendono prudente New York

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Febbraio 2014 | 15:13
I dati sull’andamento del mercato edilizio in gennaio hanno deluso le attese e rendono prudenti gli investitori in avvio di seduta. Bene bond e petrolio, frena l’oro.

APERTURA SOTTOTONO DOPO I DATI MACRO – Ancora una partenza prudente a Wall Street dopo dati relativi alle aperture di nuovi cantieri edilizi in gennaio che hanno deluso le attese: dopo i primi scambi l’indice Dow Jones recupera lo 0,19%, l’S&P500 resta a -0,01% e il Nasdaq perde lo 0,27%. Tra le blue chip si mettono in luce Germin, Nabors Industries e Eli Lilly, mentre perdono quota United State Steel, Waste Management e Marriott International.

L’ORO SI FERMA, BENE BOND E PETROLIO
– Dal canto loro i bond vedono il rendimento sul decennale ridiscendere sul 2,68% e quello del trentennale sul 3,67%. L’oro ferma la sua corsa e torna sui 1.320,4 dollari l’oncia (4 dollari meno di ieri sera), l’argento scivola a 21,82 dollari (8 centesimi di ribasso), mentre il petrolio viene indicato sui 102,61 dollari al barile (18 centesimi sopra il precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Obbligazioni: nuove emissioni sotto il segno del green

Etf, da Invesco un prodotto sui corporate bond Esg

Fondi, da Gam una nuova strategia obbligazionaria

NEWSLETTER
Iscriviti
X