Wall Street prudente ma sopra i valori di ieri

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Febbraio 2014 | 15:47
High tech in forma a Wall Street, dove gli indici recuperano terreno dopo un avvio incerto. Sottotono l’energia, come pure i T-bond in vista di nuove riduzioni degli acquisti della Fed.

WALL STREET RESTA PRUDENTE – Qualche incertezza in partenza, legata ad un indicatore guida (“leading indicator”) apparso a gennaio in crescita dello 0,3% (mentre il consensus si attendeva un +0,4%) e alla sensazione che la Federal Reserve proseguirà il “tapering” sui propri acquisti di bond sul mercato, poi a New York gli indici hanno iniziato a recuperare terreno. Così allo scoccare della prima ora di lavoro il Dow Jones segna +0,36%, l’S&P500 oscilla a +0,11%, il Nasdaq è indicato a +0,12% e le small cap del Russell 2000 restano a +0,05%.

HIGH TECH IN LUCE, FRENA L’ENERGIA
– Tra le blue chip si mettono in luce Quanta Service e Allegion, oltre ad high tech come Intel e Ibm, mentre perdono quota titoli dell’energia come Cabot Oil & Gas e Valero Energy, ma pure American Express e General Electric. Facebook dopo aver annunciato l’acquisizione di WhatsApp per 19 miliardi di dollari oscilla il 2,4% sotto i valori di ieri a 66,4 dollari. Dal canto loro i bond vedono il rendimento sul decennale risalire sul 2,76% e quello del trentennale sul 3,73%, l’oro oscilla sui 1.315,5 dollari l’oncia (4,4 dollari più di ieri sera), l’argento è indicato a 21,73 dollari (23 centesimi di recupero), mentre il petrolio resta sui 103,03 dollari al barile (42 centesimi sotto il precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X