A Wall Street piacciono i dati macro

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Febbraio 2014 | 21:38
Il dato oltre le attese della vendita di nuove case in gennaio negli Usa sostiene gli indici azionari e i bond. In modesto rialzo anche il petrolio, mentre l’oro perde quota

I DATI MACRO PIACCIONO AGLI INVESTITORI – Il dato migliore delle attese delle vendite di case nuove (a gennaio balzate sui massimi da oltre cinque anni) piacciono a Wall Street dove a fine giornata l’indice Dow Jones segna +0,12%, l’S&P500 è invariato, il Nasdaq chiude a +0,14% e le small cap del Russell 2000 guadagnano lo 0,44%. Dal canto loro i T-bond vedono il rendimento sul decennale calare sul 2,66% e quello del trentennale sul 3,63%, mentre l’oro scivola sui 1.326,6 dollari l’oncia (13,7 dollari meno di ieri), l’argento è fissato a 21,25 dollari (63 centesimi di ribasso) e il petrolio risale sui 102,48 dollari al barile (circa mezzo dollaro sopra il precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, Bce: the day after

Mercati, Bce: un’estate di acquisti

Bank Of England bacchetta i risparmiatori sui Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X