La Borsa promuove il piano di Banco Popolare

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Febbraio 2014 | 13:48
Banco Popolare in allungo a Piazza Affari dove sfiora il 2% di rialzo dopo la presentazione del piano industriale al 2016. Gli investitori apprezzano obiettivi ritenuti “ambiziosi”

BANCO POPOLARE ALLUNGA IL PASSO – Banco Popolare in spolvero stamane a Piazza Affari (+1,84% a 1,55 euro per azione) dopo che il 2013 si è chiuso, senza sorprese, con una perdita di 606 milioni dopo rettifiche per 1,69 miliardi, di cui un miliardo circa nel solo quarto trimestre e dopo aver approvato il piano industriale 2014-2016 che prevede il raggiungimento di un utile netto di 609 milioni nel 2016 (e di 787 milioni secondo la “proiezione inerziale” al 2018).

OBIETTIVI DI PIANO “AMBIZIOSI” – Obiettivi che alcuni operatori definiscono a caldo “aggressivi e ambiziosi” e superiori alle stime di consensus. Il piano prevede inoltre un calo delle rettifiche su crediti a 700 milioni entro il 2016 (con un costo del credito di 70 punti base) ovvero a 662 milioni nel 2018 (costo del credito pari a 65 punti base). Mentre, come ampiamente atteso, anche quest’anno non sarà distribuito alcun dividendo, il nuovo piano prevede un “dividend pay out” al 2016 pari al 40% degli utili.

LTRO E’ GIA’ RIMBORSABILE – Infine in tema di liquidità, la banca, che a fine 2013 disponeva di una liquidità di 18,2 miliardi di euro (di cui circa 14 miliardi rappresentati dal portafoglio libero di titoli governativi italiani) ha precisato di poter “rimborsare i finanziamenti Ltro in qualunque momento”, mentre sul fronte dell’efficienza operativa a fronte di una riduzione attesa del personale di 750 unità il piano mira a far crescere la base clienti di ulteriori 250.000 unità.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

BBVA, cresce in Italia ma senza Mps

BBVA, arriva il conto dinamico e interamente digitale

Generali, fumata nera con Bbva

NEWSLETTER
Iscriviti
X