Bitcoin: ecco come ho perso più di 2mila dollari su Mt.Gox

A
A
A
di Daniel Settembre 28 Febbraio 2014 | 11:16
Testimonianza di investitori colpiti dalla “scomparsa” della piattaforma Mt.Gox dove si scambiava la moneta digitale. E alcune lezioni da imparare.

BITCOIN NEL CAOS – Sono stati giorni neri per bitcoin, la famosa moneta virtuale. Mt. Gox, una delle principali piattaforme al mondo per lo scambio di bitcoin è andata offline pochi giorni fa e solo ora ha dichiarato bancarotta, chiedendo la protezione dai creditori. Il sito CnnMoney ha raccolto alcune testimonianze di investitori che hanno perso i propri risparmi in questa controversa vicenda.

PERSI 700 DOLLARI Alex Krusz, per esempio, sentiva che avrebbe dovuto ritirare i suoi bitcoin da Mt.Gox. Il sito era pieno di problemi tecnici, lento ad elaborare prelievi e la visualizzazione delle password degli utenti non era trasparente. In più era più facile depositare fondi di quanto non lo fosse ritirarli. Lo scorso anno cercò di ritirare dallo scambio i propri bitcoin ma improvvisamente Mt.Gox ha richiesto alcune verifiche aggiuntive, tra cui documento d’identità e un breve questionario. Non li ritirò e Krusz, dopo il crollo del sito web, non ha più rivisto i suoi bitcoin del valore di 700 dollari.

I SEGNALI NEGATIVI – E in effetti le avvisaglie che qualcosa non andava sulla piattaforma Mt.Gox c’erano fin dall’inizio. Ogni volta che c’era un piccolo picco di attività di trading, il sito rallentava. Se i prezzi cambiavano troppo rapidamente, Mt.Gox andava offline. Anche peggio è andata a Mickael Saladi, 29enne francese che residente a Miami in Florida. Quando è andato offline il sito, Saladi aveva quattro bitcoin sulla piattaforma. Non sembra molto? Eppure equivalgono a circa 2.300 dollari. E pensare, inoltre, che solo qualche settimana fa valevano intorno ai 4.400 dollari.

INVESTIMENTI DIMEZZATI – Questo perché nelle ultime settimane il prezzo dei Bitcoin è diminuito in modo significativo a causa di un forte calo di fiducia da parte degli investitori. David Rabahy vive nel Michigan e ha investito a metà del 2013 circa 10mila dollari in Bitcoin, insieme ad alcuni dei suoi fondi pensione. A dicembre l’investimento era arrivato a più di 100mila dollari. Ora ne vale la metà.

CATTIVA REPUTAZIONE – C’è però chi non si è fatto “fregare”. Daniel Weyer, riporta ancora CnnMoney, ha una grande posizione nei Bitcoin (non ha dichiarato quanti). Per questioni private qualche anno fa si è trovato ad accettare pagamenti in Bitcoin. E quando ha deciso di negoziarli Weyer non ha scelto Mt.Gox a causa della sua cattiva reputazione su siti come Reddit, un social network di news molto diffuso negli Stati Uniti. Si rivolse allora a Coinbase, più credibile perché sostenuto da investitori riconosciuti. insomma, sarebbe bastato un po’ di accortezza in più.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, Bce: the day after

Mercati, Bce: un’estate di acquisti

Bank Of England bacchetta i risparmiatori sui Bitcoin

NEWSLETTER
Iscriviti
X