Fineco: i pro e i contro dell’Ipo

A
A
A
di Luca Spoldi 10 Marzo 2014 | 09:58
Secondo gli analisti di Fidentiis, la banca del gruppo UniCredit potrebbe arrivare a valere sui 6 miliardi di euro.

FINECO SBARCHERA’ IN BORSA? – Risparmio gestito sempre più “caldo” a Piazza Affari, dove in attesa del prossimo debutto di Anima sgr (qui la notizia) tiene banco l’ipotesi che Unicredit possa collocare sino al 25%-30% della controllata Fineco (qui la notizia). Secondo gli analisti di Fidentiis, in base ai multipli di Azimut sugli asset in gestione, Fineco potrebbe arrivare a valere sui 6 miliardi di euro. La banca guidata da Federico Ghizzoni potrebbe dunque incassare tra 1,5 e 1,8 miliardi di euro, comunque una somma relativamente modesta “in relazione ai total asset del gruppo”.

MEGLIO TENERSELA STRETTA – Gli analisti si chiedono pertanto perché Unicredit potrebbe quotare un 25%-30% “di un business bancario con un forte focus sull’asset management e il brokerage, considerando che il suo potenziale di ricavi e il modello di business a basso assorbimento di capitale potrebbero essere di notevole aiuto ai numeri del gruppo”. “Ci aspetteremmo – concludono gli esperti in una nota – che le banche siano molto focalizzate sulle attività bancarie che generano commissioni, particolarmente utili in un momento in cui i ricavi degli istituti di credito mostrano una scarsa crescita, per non dire un calo”. Insomma, forse Ghizzoni farebbe meglio a tenersi stretta la gallina dalle uova d’oro, nonostante l’interesse mostrato dal mercato per i titoli del settore.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fib, Dax ed EuroStoxx 50 future in fase di recupero. I target da monitare

Aldrovandi: “Cautela più che mai d’obbligo sull’azionario”

EuroStoxx 50 e Dax, le strategie di Vontobel Certificati

NEWSLETTER
Iscriviti
X