Voluntary disclosure, si ricomincia daccapo

A
A
A

Il dl Letta su un binario morto. Nuove proposte di legge che il Parlamento si impegna a varare entro maggio. E intanto Austria e Lussemburgo….

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino12 marzo 2014 | 08:23

SI RICOMINCIA – Il cammino della “voluntary disclosure”, provvedimento che traccia il percorso del rientro dei capitali non fiscalmente dichiarato detenuti all’estero (potenziale grande business per le reti di promotori finanziari e private banker), ricomincia daccapo. Il governo di Matteo Renzi, infatti, proprio mentre cerca disperatamente risorse non sembra interessato a quelle che potevano provenire da una conversione in legge del dl 4/2014 varato dal governo Letta, ma allunga i tempi: l’esecutivo dice infatti sì a modifiche che migliorino il testo, ma a condizione che non sia un nuovo condono. I tempi? La “nuova” voluntary disclosure, se mai partirà, prenderà forma in vari disegni di legge che il Parlamento si impegnerebbe a licenziare entro il prossimo maggio.

L’EMENDAMENTO – Nel dettaglio ieri in Commissione finanze della Camera è stato presentato e approvato un emendamento a firma del relatore Giovanni Sanga (Pd), che abroga l’articolo 1 del dl 4/2014  (cioè tutta la parte relativa alla voluntary disclosure) mentre dopo la proposta di legge presentata dalla maggioranza (qui la notizia) ne è stata presentata anche un’altra dell’opposizione, a firma di Daniele Capezzone (Fi).

AZIONE EUROPEA – Quasi come un paradosso, invece, proprio mentre il governo Renzi prende tempo su come riportare in Italia il “nero”, ieri Austria e Lussemburgo hanno fatto un passo avanti importante nella lotta all’evasione dando il loro benestare di massima all’azione europea che prevede l’avvio dello scambio automatico di informazioni fiscali. I due paesi, finora reticenti, hanno ammorbidito la loro linea proprio perché Bruxelles sullo stesso tema è in  fase avanzata di negoziato con altre piazze offshore come Svizzera, San Marino, Liechtenstein, Andorra e Monaco.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il “cacciatore” di gestori ha solo 34 anni

Fondi alternativi: ripresa, ma non per tutti

Buffett (Berkshire Hathaway): fondi hedge costano troppo per quel che rendono

Blackstone chiude Senfina Advisors

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Petrolio: i 20 dollari al barile improvvisamente sembrano irraggiungibili

Nextam Partners Hedge si conferma tra i migliori

Fondi hedge: Nevsky Capital rimborsa le quote

Asian Managers Selection Fund B arrotonda i guadagni da inizio anno

8a+ Mattehorn apre novembre in rialzo

Azimut Aliseo non sbanda in ottobre

Unifortune Premium Fund prosegue la sua salita regolare

Alkimis Capital C, a luglio splende il sole

Jupiter Asset Management batte le attese

Symphonia Thema sale anche in maggio

Hedgersel A procede con cautela

Ersel Global Investment prosegue la sua corsa

L’Albatross di Unifortune prova a spiccare di nuovo il volo

Global Managers Selection Fund I sale anche in dicembre

Petrolio, fondi hedge ancora negativi

Anche tra i fondi hedge italiani spunta qualche segno positivo

Il petrolio può costar caro ai fondi hedge

Eurizon Weekly Strategy conclude novembre in rialzo

Man Group torna a far parlare di sè

Un settembre da ricordare per P&G Selection

I gestori Usa tagliano le posizioni sul petrolio

Calpers liquida i fondi hedge: sono complessi e costosi

Asian Managers Selection Fund B torna in pari

Finint ha fiuto per i bond

Partita decisiva per Buenos Aires

Man Group fa shopping negli Usa e sale in Borsa

Symphonia Equity Long/short sorride in maggio

Man Group mette il turbo, pronta a far shopping

Ti può anche interessare

Criptovalute, eToro aggiunge Cardano alla piattaforma

Si tratta di una criptovaluta di terza generazione con una piattaforma intelligente capace di risolv ...

Come sfruttare lo spread per far crescere i risparmi

Sale lo spread? Ecco come approfittarne con gli Etf a Piazza Affari ...

Consob, Bertezzolo prende servizio

Il nuovo segretario generale è operativo ...