La borsa di New York si mette alla finestra

A
A
A
di Luca Spoldi 14 Marzo 2014 | 15:18
Tutto fermo o quasi a New York: gli indici azionari oscillano poco sopra i livelli di ieri, i bond sono stabili, oro e petrolio pure. Si attendono novità dalla Crimea

WALL STREET SI METTE ALLA FINESTRA – Avvio di giornata in punta di piedi a Wall Street che dopo la prima ora e mezza di lavoro vede l’indice S&P500 oscillare sui livelli di ieri (+0,03%), mentre l’S&P500 segna +0,11%, il Nasdaq resta a +0,04% e le small cap del Russell 2000 recuperano lo 0,66%. Tra le blue chip provano a riprendersi Exxon Mobil e Verizon Communication, mentre perdono ancora terreno UnitedHealth Group, American Express e General Electric.

SI INTERROMPE IL FLY TO QUALITY – Rallenta anche il “fly to quality” visto negli ultimi giorni, coi bond che per ora vedono il rendimento sul decennale restare sul 2,64% e quello del trentennale oscillare sul 3,58%. L’oro sale sui 1.384,6 dollari l’oncia (11,9 dollari sopra il precedente fixing), l’argento rimbalza a 21,63 dollari (45 centesimi di recupero) e il petrolio risale sui 98,96 dollari al barile (74 centesimi più dell’ultima chiusura).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pronti, Recovery, via. Le nuove obbligazioni governative sotto la lente

Mercati, decennale Usa atteso sopra il 2%

Fondi, da State Street tre nuovi comparti Sustainable Climate Bond

NEWSLETTER
Iscriviti
X