Jp Morgan Chase esce dal trading fisico di materie prime

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 19 Marzo 2014 | 14:06
Jp Morgan Chase ha raggiunto un accordo per vendere per 3,5 miliardi di dollari il business dello stoccaggio e trading fisico di materie prime a Mercuria Energy Group

JP MORGAN CHASE ESCE DALLE MATERIE PRIME – Jp Morgan Chase ha raggiunto un accordo per cedere la sua divisione impegnata nello stoccaccio e trading fisico di materie prime al gruppo svizzero Mercuria Energy Group per 3,5 miliardi di dollari. In questo modo la banca esce da questo settore cedendo alle crescenti pressioni delle autorità Usa, preoccupate che la stessa Jp Morgan Chase potesse in qualche misura manipolare i prezzi di materie prime da lei stessa detenute e contrattate, oppure subire nuove pesanti perdite in caso di un andamento avverso delle quotazioni con potenziali gravi ripercussioni sull’intero settore finanziario americano.

MERCURIA ENERGY GROUP SI RAFFORZA – La vendita dovrebbe essere finalizzata nel terzo trimestre dell’anno e non ci si attende possa avere un impatto significativo sugli utili del gruppo. Dal canto suo Mercuria è nata nel 2004 per iniziativa di due ex trader di Goldman Sachs, Marco Dunand e Daniel Jaeggi, ed è oggi il quarto maggior trader indipendente di materie prime al mondo, posizione che l’operazione annunciata oggi è destinata a rafforzare, avendo visto una rapida crescita anche del personale, passato dalle 10 persone del 2004 alle circa 1.200 attuali, molti dei quali ex trader di materie prime per banche d’investimento come Goldman Sachs e Barclays.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Jp Morgan, grave malore per Jamie Dimon

Jp Morgan: chi è Filippo Gori, l’italiano tra i grandi del colosso Usa

Jp Morgan, un bilancio che rimarrà nella storia

JP Morgan rinnova il wealth management

Jp Morgan Am: ecco come navigare tra dazi e rischio recessione

Fineco, Jp Morgan scende sotto il 3%

Jp Morgan, arriva la super parcella

Bond, per Jp Morgan saranno tempi duri

Jp Morgan, sprint sul commercial banking

Jp Morgan lancia la sua cryptovaluta bancaria

Poker sull’Etfplus per JPMorgan AM

J.P. Morgan Am: affidarsi ai professionisti per navigare i mercati a fine ciclo

ConsulenTia18/Alfieri (JP Morgan AM): “Una borsa di studio per i giovani cf”

Fondi comuni, Intesa Sanpaolo campione 2017

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Citi, Ubs, JpMorgan e Credit Suisse. Ecco il poker di banche più esposte in Arabia

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Brexit: le banche pronte al trasloco da Londra, chi si rafforzerà su Milano?

Julius Baer, campagna acquisti nel Regno Unito

JP Morgan AM: cosa porterà il 2017 agli investitori

Blueindex: Kepler affonda Bpm, Jp Morgan limita i danni

J.P. Morgan alla conquista virtuale dell’Asia

Bond: per ora investitori preferiscono titoli tedeschi o svizzeri

JP Morgan ha un nuovo approccio con le startup FinTech

Generali in rimonta grazie ai minori timori sulla Brexit

Jp Morgan: secondo semestre difficile per le banche d’affari

Jp Morgan: multa in arrivo per il private banking

Jp Morgan festeggia la trimestrale

Jp Morgan fa meglio delle attese

Rivalutazione quote Bankitalia, Consob dice la sua

Nordea Bank si difende tagliando i costi

Banche, il Tesoro Usa declassa Jp Morgan

Ti può anche interessare

Fisco, credito d’imposta per i pagamenti elettronici

Un credito d’imposta del 30% sulle commissioni delle transazioni con carte e bancomat per le ...

Global Wealth 2019: stiamo diventando più ricchi

Il Credit Suisse Research Institute pubblica la decima edizione del Global Wealth Report, che costit ...

Def, manovra da 29 miliardi. Ma resta da capire come recuperarne 7

Una manovra “espansiva” da circa 29 miliardi, di cui circa metà (14,5 miliardi) garanti ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X