Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi17 luglio 2017 | 17:50

MORGAN STANLEY: SERVIREBBE UNA BAD BANK – Le banche italiane potrebbero impiegare dieci anni per ridurre il loro livello di Npl fino alla media europea, secondo gli analisti di Morgan Stanley, che tornano a ribadire che la creazione di una “bad bank” potrebbe essere d’aiuto. Ipotesi quest’ultima più volte caldeggiata dalle banche italiane (e che però avrebbe corso il rischio di scaricare direttamente tutti gli oneri dell’operazione sulle spalle dei contribuenti italiani, anche più di quanto già non rischia di accadere nell’attuale situazione, secondo alcuni operatori).

AI RITMI ATTUALI SERVIRANNO 10 ANNI PER RIDURRE NPL – Morgan Stanley conferma comunque la propria cautela sul comparto bancario italiano, dopo che le quotazioni sono salite di circa l’80% nel corso degli ultimi 12 mesi. “Crediamo che siano stati compiuti dei progressi, ma rimangono delle vulnerabilità, con 60-70 miliardi di euro di non perfoming loan (Npl) da dismettere ancora in fase di realizzazione e quasi dieci anni necessari per raggiungere i livelli di Npl europei con l’attuale tasso di smaltimento”.

INTESA SANPAOLO E MEDIOBANCA “TOP PICK” – La lunga fase recessiva terminata nel 2014 ha creato a carico delle banche italiane un fardello di 349 miliardi di euro di crediti deteriorati lordi, pari ad un terzo del totale di tutta Europa, con un sistema giudiziario ingessato e una crescite economica lenta che rendono difficile il loro recupero. Alcuni interventi dello stato e il varo del piano di salvataggio di Mps sembrano tuttavia aver fornito qualche sollievo al settore. Tuttavia secondo gli esperti “il percorso verso la normalizzazione delle perdite su crediti sarà “irregolare” con solo una graduale riduzione del costo del rischio”. A fronte di tale scenario Intesa Sanpaolo e Mediobanca vengono indicati come titoli “top pick” del settore.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, nuova avventura nel centro Italia

Fideuram e Sanpaolo Invest, è tempo di turnover nelle reti

Wealth management, ecco il master per i manager

BlackRock, sale la quota nei giganti bancari

Banche, i tassi hanno un conto salato

Consulenti, ecco la banca del 2029

Banche, cooperazione significa efficienza

Governo giallorosso, sulle banche poche parole

Banche online, grandissimi rischi

Banche, è crollo dei prestiti

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Carige, resa dei conti a settembre

Banche, lo spauracchio dei tagli al personale

Banche, 11 proposte per cambiarle

Credem, utile sugli scudi e le polizze spingono

Mediolanum, dopo l’estate in arrivo novità sulla protezione dei clienti

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Saxo bank e B.Generali, matrimonio d’eccellenze

Allianz Bank FA, l’evoluzione passa dalle unit linked

Banca Sistema, la forza dell’utile

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

B.Generali batte il consensus e regala masse record

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

Tagli Unicredit, Salvini dice la sua

B.Generali-Nextam Partners, affare fatto

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Deutsche Bank, la ristrutturazione pesa sui conti

Banca Generali, uno sponsor a 5 stelle

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Fineco regina degli scambi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Ti può anche interessare

Ocf e indipendenti: solo 80 nominativi hanno fatto richiesta

Autonomi e società di consulenza si confrontano con il nuovo Albo ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 9/04/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

I cereali non piacciono agli hedge fund

La guerra dei dazi coinvolge i mercati della soia e dei cereali. E i fondi di investimento hanno acc ...