Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi17 luglio 2017 | 17:50

MORGAN STANLEY: SERVIREBBE UNA BAD BANK – Le banche italiane potrebbero impiegare dieci anni per ridurre il loro livello di Npl fino alla media europea, secondo gli analisti di Morgan Stanley, che tornano a ribadire che la creazione di una “bad bank” potrebbe essere d’aiuto. Ipotesi quest’ultima più volte caldeggiata dalle banche italiane (e che però avrebbe corso il rischio di scaricare direttamente tutti gli oneri dell’operazione sulle spalle dei contribuenti italiani, anche più di quanto già non rischia di accadere nell’attuale situazione, secondo alcuni operatori).

AI RITMI ATTUALI SERVIRANNO 10 ANNI PER RIDURRE NPL – Morgan Stanley conferma comunque la propria cautela sul comparto bancario italiano, dopo che le quotazioni sono salite di circa l’80% nel corso degli ultimi 12 mesi. “Crediamo che siano stati compiuti dei progressi, ma rimangono delle vulnerabilità, con 60-70 miliardi di euro di non perfoming loan (Npl) da dismettere ancora in fase di realizzazione e quasi dieci anni necessari per raggiungere i livelli di Npl europei con l’attuale tasso di smaltimento”.

INTESA SANPAOLO E MEDIOBANCA “TOP PICK” – La lunga fase recessiva terminata nel 2014 ha creato a carico delle banche italiane un fardello di 349 miliardi di euro di crediti deteriorati lordi, pari ad un terzo del totale di tutta Europa, con un sistema giudiziario ingessato e una crescite economica lenta che rendono difficile il loro recupero. Alcuni interventi dello stato e il varo del piano di salvataggio di Mps sembrano tuttavia aver fornito qualche sollievo al settore. Tuttavia secondo gli esperti “il percorso verso la normalizzazione delle perdite su crediti sarà “irregolare” con solo una graduale riduzione del costo del rischio”. A fronte di tale scenario Intesa Sanpaolo e Mediobanca vengono indicati come titoli “top pick” del settore.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Ti può anche interessare

Regling: l’Italia non è rischiosa

Il direttore generale dell’Esm getta acqua sul fuoco ...

Derivati, ora più poteri a Esma

Parlamento e Consiglio hanno trovato un accordo per attribuire a Esma, la Consob europea, la vigilan ...

Il “buy” del consulente – 27/09/18, da Avio a Gima TT

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...